Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

TRICASE – Tartaglia: “Questa una piazza affascinante. Sarà un campionato molto equilibrato”

Dopo il clamoroso ribaltone con Rocco Errico, il Tricase ha deciso di affidare la panchina all’ex Aradeo Graziano Tartaglia, che arriva in rossoblu, dopo aver ben figurato proprio sulla panchina giallorossa. Una formazione, quella del Tricase, che, dopo l’annuncio del ripescaggio, ha deciso di puntare su diversi calciatori d’esperienza, con un organico che vorrà certamente ben figurare nel prossimo campionato di Promozione e con una piazza, che come spiega il neo tecnico, ribolle di entusiasmo.

NUOVA AVVENTURA“Dopo quanto avvenuto ad Aradeo, è arrivata la chiamata di Tricase, una piazza senza dubbio colma di tradizione e di prestigio. La società dopo la notizia del ripescaggio, vorrà certamente bene figurare nel prossimo campionato, le sensazioni sono sono senza dubbio positive, ma ora non è tempo di proclami, occorre lavorare sodo ed attendere che sia il campo a parlare”.

CAMPIONATO LIVELLATO “Il nuovo format, ci ha consegnato un torneo di Promozione nuovo e molto livellato verso l’alto. Onestamente non vedo squadre che possono ammazzare il campionato, ma vi sono diversi organici costruiti per far bene. Il Gallipoli, il Novoli, noi stessi, ma anche squadre come Ginosa e Locorotondo. Onestamente è davvero difficile fare una previsione, anche perchè sarà una stagione breve e più concentrata, dove occorrerà sbagliare il meno possibile. La spunterà che riuscirà a fare meno passi falsi possibile”.

NUOVO ORGANICO “La società ha deciso di costruire l’organico, puntando su calciatori locali, che hanno già indossato questa maglia. In rosa ci saranno elementi come Citto, Moretto, D’Amico e Urso, calciatori d’esperienza del livelli di Striano e Ruberto, oltre alla grande qualità offensiva di Ponzo e Giorgetti. Sono soddisfatto di ciò  che sta nascendo, con la società che  resta comunque vigile sul mercato, per provare a cogliere alcune situazioni che potrebbero rivelarsi per noi vantaggiose. Ripeto però, ora non è tempo di proclami”.