MANDURIA vs TRICASE – Mancuso: “Sfortunati e poco lucidi”, Citto: “Qui per un debito verso questa maglia”

citto giovanni

Foto: Citto, all'Otranto - @Dino Longo

Contro il Tricase il Manduria ha chiuso, domenica scorsa, il ciclo insidioso di cinque partite che il calendario gli aveva riservato in sorte. In totale sono arrivati sei punti. Contro i rossoblu di mister Branà è finita 0-0. Un match che ha mostrato luci e ombre. La nota lieta è sicuramente la difesa, che subisce poco. Meno incisivo il reparto d’attacco, ma uno come Francesco Scarciglia è difficile da sostituire. Per il capitano prevista ancora una settimana di stop, dovuta all’infortunio patito contro il Fasano. L’analisi della partita e del momento dei biancoverdi nelle parole di Leonardo Mancuso, leader, insieme a Massimiliano Calò, della difesa messapica. “In generale, siamo un po’ sfortunati e a volte anche poco lucidi in fase di finalizzazione. Contro il Tricase non abbiamo subito nulla in difesa, nel primo tempo è mancata un po’ di concretezza, poi nella ripresa abbiamo giocato di più con la palla a terra. Con un pizzico di voglia in più avremmo potuto conquistare i tre punti. Peccato, soprattutto, per le occasioni non sfruttate in casa”.

Da un difensore a un altro. Il primo grosso colpo di mercato il Tricase l’ha piazzato proprio nel reparto arretrato dove, la settimana scorsa, è arrivato dall’Otranto Giovanni Citto. Un impatto subito fortissimo sulla gara: lui e Moretto costituiscono una coppia difensiva di sicura solidità e garanzia. Un gradito ritorno per Citto, tricasino doc. “Ci tenevo a fare bene già all’esordio. Nonostante abbia ricevuto numerose proposte, ho deciso di sposare la causa rossoblù perché dovevo saldare un debito nei confronti di questa maglia. Inoltre non è stato facile lasciare Otranto: lì avevo instaurato un rapporto fantastico con tutto l’ambiente. È stata una scelta di cuore. E poi mi piace molto il progetto “giovani” inaugurato dalla società”. E sulla partita col Manduria. “Era importante tornare con un risultato positivo e il pareggio, considerate le assenze e la caratura dell’avversario che avevamo di fronte, è sicuramente un buon risultato”.

Articoli Correlati

Lascia un commento