MAGLIE – Portaluri, i miracoli esistono: “Novoli squadra di caratura superiore. Ce la giochiamo senza pensare ai due risultati su tre”

"Siamo stati bravi a crederci - dice il tecnico giallorosso - e siamo consapevoli del grande traguardo raggiunto. Mi aspetto uno stadio pieno, sarà una festa di sport"

portaluri-mino-maglie-ss-palama

Foto: Mino Portaluri (©SalentoSport/D. Palamà)

I miracoli esistono. E a volte accadono. Accade che a gennaio ti ritrovi ultimo in classifica. Tante squadre davanti a te, tanti punti da recuperare, una montagna che sembra insormontabile. Ma il miracolo accade. Accade che chiudi la stagione regolare al terzo posto e ti qualifichi per i playoff. Miglior piazzamento possibile in semifinale. È il film della stagione del Maglie. Partiranno dalla duplice posizione di vantaggio della partita casalinga e dei due risultati su tre i giallorossi. Al “Tamborino Frisari” domani arriverà il Novoli. “La squadra più forte a livello di organico – precisa il tecnico dei padroni di casa, Mino Portaluri -. “È una formazione quadrata in tutti i reparti, con calciatori di categoria superiore, la cui classifica finale è bugiarda”.

Ma se a gennaio gli avessero prospettato un simile epilogo per la sua squadra, ci avrebbe creduto? “Non sono abituato a guardare troppo avanti, di solito ragiono partita dopo partita. Una previsione così lunga non era prevedibile. Siamo stati bravi a crederci e siamo consapevoli del grande risultato raggiunto”. Soprattutto ci ha creduto la dirigenza, che alla riapertura del mercato è intervenuta con investimenti massicci. “È una società straordinaria, formata da un gruppo di tifosi veri, che ha sempre creduto in me e mi ha sostenuto anche di fronte alle contestazioni. Non ha fatto mai mancare nulla né a me né ai ragazzi”.

La matematica qualificazione ai playoff è arrivata proprio all’ultima giornata. I giallorossi si sono imposti, sul neutro di Maruggio, per 2-1 sul Lizzano, in un match drammatico, dal punto di vista sportivo, perché anche la formazione di mister Palmieri aveva l’assoluta necessità dei tre punti per evitare la retrocessione diretta. Una prova di maturità, oltre che di forza, importante, per il Maglie. “In realtà le prove di maturità sono state tante. Mi piace ricordare le vittorie di Racale e Novoli, il pareggio, in inferiorità numerica, in casa dell’Ugento. È stato un percorso importante. La squadra si è amalgamata al meglio e ha fatto bene a livello di gruppo. Abbiamo disputato una grande seconda parte di stagione”. Nella quale sono arrivati trentaquattro punti, a fronte dei quarantasei totali. Con questa rosa fin dall’inizio, forse staremmo parlando di un campionato diverso. “Non esiste la controprova. L’unica certezza è che quanto ottenuto è il frutto del sacrificio, del lavoro, della cura dei dettagli, della consapevolezza acquisita nel tempo. I ragazzi sono stati perfetti. Inoltre il dato sull’attacco, secondo più prolifico del campionato, mi inorgoglisce molto: è il segno di una squadra che costruisce tanto e che ha alla base una precisa idea di gioco”.

E perfetti, i suoi ragazzi, dovranno esserlo domani. “Ce la giochiamo senza badare al fatto che abbiamo a disposizione due risultati su tre. Non rientra nel mio modo di concepire il calcio fare calcoli”. Ci si aspetta la risposta del pubblico. “Fino a ora non ci possiamo lamentare. Il gruppo organizzato è stato sempre presente, in casa e in trasferta e le presenze allo stadio sono aumentate. Mi aspetto un “Tamborino Frisari” pieno. Sarà sicuramente una giornata di sport”.

Articoli Correlati