Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LEVERANO vs MESAGNE – Non si schioda lo 0-0, i bianconeri in finale col Gravina

(di Antonio TAURINO) – Il Leverano pareggia per 0-0 la gara di ritorno col Mesagne e in virtù del successo ottenuto nel match di andata per 2-1 si qualifica per la finale di Coppa Italia Promozione 2014/15. I brindisini si presentano al Comunale con l’obbiettivo dichiarato di ribaltare il risultato e con le pesanti assenze dell’influenzato Caravaglio e degli squalificati Marino e Disantantonio. Schito, con un occhio alla delicata trasferta di Laterza, deve rinunciare a Papa e Rizzello (infortunati) e Patruno appiedato dal Giudice sportivo.

Il Mesagne ci prova subito ma il tiro di Leobilla, dopo appena due giri di lancette, non spaventa Strafella. Al 15′ Pendinelli respinge in angolo una conclusione al volo di Di Silvestro. Al 35′ Iunco non sfrutta una triangolazione con Magri e calcia a lato da ottima posizione. Al 37′ serpentina dello stesso Iunco che, dopo aver saltato tre uomini, conclude debolmente tra le braccia di Strafella. Il Leverano si riaffaccia dalle parti di Pendinelli al 40′ con un tiro cross di Vetrugno, sul quale De Luca non riesce ad intervenire. Al 43′ , sugli sviluppi di un corner, Strafella evita il vantaggio degli ospiti smanacciando un colpo di testa di Angelè, in sospetto fuorigioco, destinato in fondo al sacco.

Dopo il riposo la spinta dei brindisini sembra calare e il Leverano ne approfitta per congelare il gioco e all’occorrenza ripartire in contropiede. Patera, subentrato a Cazzella, ha per ben due volte la palla per chiudere il discorso qualificazione. Nella prima occasione il suo diagonale termina a lato, mentre al 67′ spreca una facile occasione a tu per tu con Pendinelli calciando addosso allo stesso portiere ospite. Al 77′ la partita si incattivisce e a farne le spese sono Franco e Iunco, allontanati dal terreno di gioco per reciproche scorrettezze. Tre minuti dopo il Mesagne resta in nove a causa dell’espulsione del capitano Allegrini, reo di aver rivolto qualche parola di troppo al direttore di gara. All’81’ Perrone si immola respingendo un tiro a botta sicura di Gennari. L’ultimo sussulto di una gara che il Leverano controlla fino al termine è di Barry che all’88’, non sfrutta un’azione in superiorità numerica e calcia alto da fuori area. Il Leverano il 19 febbraio, in campo neutro (la sede verrà stabilita dalla federazione) affronterà il Gravina.

LEVERANO-MESAGNE 0-0

LEVERANO: Strafella, Perrone, Passabì, Di Silvestro, Dragone, De Giorgi, Franco, Vetrugno (49′ Barry), De Luca, Cazzella (58′ Patera), Montefrancesco (76′ Margagliotti). A disp.Liaci, Cappilli, Chiarillo, Nocita. All. Schito

MESAGNE: Pendinelli, Del Prete, Morleo, Lorenzo, Angelè, Serio, Magri, Allegrini, Gennari, Iunco, Leobilla (56′ De Carlo). A disp. Dell’Anna, Margherito. All. Ribezzi

Arbitro: Palmisano di Taranto

Amm.: Lorenzo, Iunco e Allegrini (M), Strafella, Perrone, Franco, Montefrancesco (L). Espulsi al 77′ Iunco (M) e Franco (L), al 80′ Allegrini (M).