FRAGAGNANO vs NOVOLI – De Santis: “Obiettivo stagionale alla portata”, Spagnolo: “Eravamo in emergenza”

Sesta vittoria stagionale per la truppa biancoverde che affida il commento al suo direttore sportivo, Luigi De Santis:Una vittoria bella, costruita durante la settimana, dalla squadra e dalla dirigenza: una partita di calcio. Oggi (domenica, ndr) volevamo vincere e ci siamo impegnati al massimo per prenderci i tre punti: complimenti a tutti. La svolta nel secondo tempo? Dopo un primo tempo equilibrato” – prosegue De Santis – “ci siamo svegliati e abbiamo tirato fuori il massimo. Temevamo la prima partita dopo il periodo di festa, che riserva sempre delle sorprese, ma ci siamo allenati fino a sabato mattina per non perdere lo smalto. Classifica interessante? Tutte le partite sono difficili: come dico sempre ai ragazzi dobbiamo aver paura solo di noi stessi, evitando leziosismi inutili e dosando la cattiveria agonistica. La classifica è interessante e conferma come l’obiettivo stagionale sia alla portata che è quello di migliorare la classifica dell’anno scorso. Chi ci segue sa a cosa mi riferisco…

Chiusura di anno solare con una sconfitta per il Novoli che, però, non fa drammi. A fine gara il direttore sportivo Luca Spagnolo prende la parola: “Partita che non abbiamo giocato male: nel primo tempo potevamo fare due gol mentre il Fragagnano si è reso pericoloso solo con Arcadio. Nel secondo tempo, a parte l’occasione di Franco, non abbiamo disputato una grande partita e” – continua – “le conseguenza si sono viste. Tutto sommato, un pari sarebbe stato più giusto. Comunque non facciamo drammi. Scarcella isolato in avanti? Oggi (domenica, ndr) non potevamo contare su D’Amblè e, a partita in corso, abbiamo dovuto rinunciare a Carlà infortunatosi alla spalla. Eravamo in emergenza. Campionato sopra le attese? Assolutamente si. Stiamo facendo bene e vogliamo continuare a farlo, a partire già dalla partita con il Putignano. Tifosi? I nostri tifosi sono strepitosi. Gravina a parte, non vedo una tifoseria uguale alla nostra per numero, passione e correttezza”.

Umberto NARDELLA
Nato nel 1976, sposato, lavora nel team IT di una multinazionale americana. Scrive per SalentoSport da diversi anni ed è uno sportivo, nel senso che gli piace vedere gente che fa sport. Innamorato da sempre del calcio, sin da piccolo è stato affascinato dai campi polverosi di paesini sconosciuti. Ogni domenica è buona per andare a vedere una partita di calcio, rigorosamente dilettante.
http://www.salentosport.net

Articoli Correlati