Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

BRILLA CAMPI – Patruno: “Sbagliato pensare che il livello si sia abbassato. Girone tosto con baresi di primo livello”

La giornata di ieri è stata giornata di presentazione ufficiale davanti ai propri tifosi per il Brilla Campi, con la compagine giallorosa che al termine di una buona campagna acquisti, si presenta ai nastri di partenza come una delle mine vaganti del girone B di Promozione. Nessun limite o traguardo prestabilito, ma tanta voglia di lottare, divertirsi e far divertire, come spiega il tecnico giallorosso Antonio Patruno.

GRUPPO SOLIDO“Tra riconferme e nuovi arrivi, abbiamo cercato di mettere su un buon organico, ma soprattutto si è cercato di costruire un gruppo solido e coeso, che, secondo il mio punto di vista, è alla base di ogni successo. Personalmente non mi è mai piaciuto porre degli obbiettivi o fare dei proclami, soprattutto ad inizio stagione. Il nostro obbiettivo è quello di navigare a vista, senza porsi alcun limite, con la voglia di divertirsi e far divertire, sudando la maglia e mettendo tutto ciò che si ha dentro, ogni domenica in ogni singolo match. Così facendo si possono ottenere dei risultati positivi, provando a dare fastidio a tutte le nostre avversarie”.

VERSO LA COPPA“Stando a quello che dice la carta, il Novoli è senza dubbio una delle rose più complete dell’intero girone B, con calciatori esperti e di grande qualità. Noi dal canto nostro proveremo a giocarci questo turno con quelli che sono i nostri mezzi, con grande rispetto dell’avversario ma con tanta voglia di fare bene”.

PREVISIONI IN OTTICA CAMPIONATO“Come non mi piace porre obbiettivi, non credo sia giusto fare previsioni o stilare griglie di partenza. Sarà senza dubbio un girone tosto e complesso come ogni anno, anzi chi pensa che con il nuovo format il livello si sia abbassato, sbaglia. Le neopromosse hanno tutte costruito buone squadre e in più vi è stato l’inserimento di compagini baresi di primo livello, mi basta pensare al Locorotondo, squadra e piazza dalla grande tradizione. Sarà un campionato molto ostico, in cui la spunterà chi sbaglierà meno”.