Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Primavera, che pasticcio! Avanti due volte, poi all’Heffort esulta il Verona

Bruttissima sconfitta per il Lecce Primavera contro il Verona. A Parabita, i giallorossi vanno prima sotto, per via del gol di Ghilardi, poi lo stesso Ghilardi si fa un autogol e il punteggio ritorna in parità.

Nella ripresa, le cose sembrano mettersi bene per il Lecce che segna il secondo col con Johannsson al 47 ma dopo sette minuti arriva il nuovo pari di Brigantini. Passano altri due minuti e il Lecce va sul 3-2 col gol di Scialanga. Ma è l’ultimo squillo prima del crollo: il Verona pareggia di nuovo con Yeboah al 60′, va in vantaggio sul 3-4 con un autogol di Haakmat e, proprio all’ultimo secondo, sbaglia anche il rigore del 3-5 con Terracciano (para Samooja).

I giallorossi restano in piena zona retrocessione, fermi a 18 punti e, nel prossimo turno, saranno ospiti del Genoa.

Classifica: Roma 45; Cagliari e Sampdoria 35; Juventus 34; Fiorentina 31; Atalanta, Milan e Sassuolo 30; Inter e Torino 29; Genoa 28; Napoli 25; Verona 24; Empoli 23; Bologna 22; Lecce 18; Spal 17; Pescara 8.

IL TABELLINO

Parabita, Heffort Sport Village
lunedì 21 febbraio 2022, ore 14.30
Primavera 1 2021/22, giornata 19

LECCE-VERONA 3-4
RETI: 4′ pt Ghilardi (V), 41′ pt aut. Ghilardi (L), 2′ st Johannsson (L), 9′ st Bragantini (V), 11′ st Scialanga (L), 15′ st Yeboah (V), 37′ st aut. Haakmat (V)

LECCE (4-3-3): Samooja; Scialanga (30′ st Oltremarini), Haakmat, Hasic, Nizet; Salomaa, Johannsson, Lemmens; Macrì, Carrozzo (40′ st Been), Gonzalez. A disp. Bufano, Dima, Russo, Pascalau, Dreier, Gallorini, Trezza, Coqu. All. Grieco.

VERONA: (4-4-2): Kivila; Redondi, Calabrese, Terracciano, Suleiman; Ghilardi, Joselito, Pierobon, Bragantini (40′ st Grassi); Yeboah, Bosilj (22′ st Mediero). A disp. Boseggia, Patuzzo, Ebenguè, Florio, Kemppainen, verzini, Cisse. All. Corrent.

ARBITRO: Pascarella di Nocera Inferiore.

NOTE: ammoniti Macrì, Johannsson, Haakmat (L), Suleiman, Mediero (V). Al 93′ Samooja respinge un rigore di Terracciano.

(foto: archivio Coribello/SalentoSport)