Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Primavera, Berisha fa e disfa: colpaccio Torino al Deghi Center

Terza sconfitta consecutiva per il Lecce Primavera: al Deghi Center passa il Torino per 2-3 con tante recriminazioni per i giallorossi di casa.

Continua la caccia alla vittoria per i lupetti che, però, non riescono a muovere la classifica, facendo registrare un parziale da brivido: un solo punto nelle ultime cinque giornate. Coppitelli schiera una Primavera straniera per 11/11 e, nel primo tempo, il Lecce gioca meglio degli avversari, sfiorando il vantaggio con Pascalau e Samek, poi trovandolo con Berisha, abile a girare in porta col mancino un pallone servitogli da Salomaa, minuto 27. Lo stesso Salomaa si procura anche un rigore al minuto 37 che lo stesso Berisha, però, calcia in maniera pessima, permettendo, addirittura, la parata a terra di Passador.

Scampato il pericolo, il Torino rientra in gioco e trova il pari in avvio di ripresa con un preciso tiro di Gineitis, lasciato troppo solo al limite. Il Toro va anche vicino al vantaggio con un tiro cross di Dellaquila, con difesa del Lecce immobile e palla che va a sbattere sul palo, danzando poi sulla linea. Si scuote il Lecce con Nizet che, su cross basso di Dorgu, colpisce il palo interno. Poi l’arbitro fischia fallo di Burnete su Passador. Momento buono per Nizet che rientra sul mancino e spara, trovando ancora il portiere del Toro sulla traiettoria. Il Lecce trova anche il gol del vantaggio con Corfitzen, marcatura poi annullata per un fuorigioco di centimetri. Le due squadre non si accontentano e saltano schemi e marcature, complice anche la stanchezza e un terreno allentato dalla pioggia. Al minuto 81′ Jurgens trova il gol dell’1-2 per il Toro con un tiro a giro dal limite, su cui Borbei non è sembrato molto reattivo. Nemmeno il tempo di esultare e il Toro subisce il pareggio di Dorgu, lasciato solissimo su un corner di Vulturar. Per l’esterno danese, primo gol in maglia giallorossa. Partita finita? Neanche a parlarne. Al terzo di recupero, un altro perfetto tiro da fuori di Gineitis beffa ancora Borbei e regala al Torino i tre punti in palio.

Il Lecce resta ancora fermo a 14 punti, comunque a distanza di sicurezza dalla zona calda ma in fase di rottura prolungata, come direbbero nell’ippica. Mercoledì prossimo, sedicesimi di finale di Coppa Italia in casa con la Lazio. Domenica 13, poi, altra gara casalinga, questa volta di campionato, contro il Milan.

IL TABELLINO

LECCE-TORINO 2-3
RETI: 27′ Berisha (L), 47′ e 90+3′ Gineitis (T), 81′ Jurgens (T), 84′ Dorgu (L)

LECCE (4-3-3): Borbei – Munoz, Pascalau, Hasic, Dorgu – Samek (87′ Abdellaoui), Vulturar, Berisha (71′ Daka) – Nizet (78′ Minerva), Burnete, Salomaa (71′ Corfitzen). A disp.: Moccia, Leone, Russo, Carrozzo, Kausinis, Borgo, Milli. All.: Coppitelli.

TORINO (4-2-3-1): Passador – Dembelè (46′ Dellavalle), Anton, N’Guessan, Antolini – Ruszel, Gineitis – Silva (46′ Caccavo), Dell’Aquila, Weidmann – Jurgens. A disp.: Hennaux, Brezzo, Gaj, Rettore, D’Agostino, Ansah, Corona, Ciammaglichella, Njie, Opoku, Acar. All.: Scurto.

ARBITRO: Sig. Castiglione della Sez. Napoli

NOTE: ammoniti N’Guessan, Ruszel, Dellavalle (T). Al 39′ Passador (T) para un rigore di Berisha (L). Rec: 0′ pt, 4+2′ st.