Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CALCIO FEMMINILE – Le luci non vanno, sospesa Chieti-Salento Women Soccer di Coppa Italia

Gara sospesa, proprio al 90′, quella tra il Chieti e la Salento Women Soccer giocata domenica scorsa e valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia. il signor Di Mario di Ciampino, infatti, ha dichiarato conclusa anzitempo la sfida con le abruzzesi per via dell’oscurità, sul punteggio di 0-0. Da regolamento si sarebbero dovuti giocare due supplementari di 15′ ciascuno. L’arbitro, alla fine dei tempi regolamentari, ha chiesto alla società ospitante di mettere in funzione l’impianto d’illuminazione dello stadio ma, dopo aver atteso invano per circa 15 minuti, ha dichiarato alle capitane delle due squadre, Di Camillo del Chieti e D’Amico della Salento Women Soccer, di aver sospeso la partita per scarsa visibilità. La palla, ora, passa al Giudice sportivo.

“Avremmo potuto chiudere tranquillamente il discorso qualificazione nei 90′ regolamentari solo che non siamo state precise nelle conclusioni e abbiamo avuto anche un po’ di sfortuna. Mi riferisco in particolare al palo colpito da Costadura e alle occasioni non sfruttate da Coluccia e dalla stessa Costadura”, ha sottolineato l’allenatrice Vera Indino.

Nel frattempo, le giallorosse da oggi cominceranno a preparare la prossima sfida casalinga del campionato di serie C. Domenica 16 dicembre al comunale di Collepasso sarà di scena il New Team San Marco Argentano, formazione calabrese. Fischio d’inizio alle ore 14.30.


IL TABELLINO

CHIETI-SALENTO WOMEN SOCCER 0-0
(sospesa al 90′ per scarsa visibilità)

CHIETI: Falcocchia, Di Camillo Giada, Benedetti, Do Sebastiano, Gangemi, La Mattina, Scioli, De Vincentiis, Forcella (1′ st Di Santo), Coscia, Di Domizio . In panchina: Lovecchi, La Centra. Allenatore Lello Di Camillo.

SALENTO WOMEN SOCCER: Mariano; Guido, Felline, Viva, Costadura; Coluccia, Pinto, Munoz, Cazzato; D’Amico, Bruno (30′ st Durante). In panchina: Errico, Sozzo, Vitti, Aprile, Ouacif, Carrafa Raffaella. Allenatrice Vera Indino.

ARBITRO: Di Mario di Ciampino.