OTRANTO – Caroppo punta l’Orta Nova: “Importante non perdere, ma…”. Nuovo ingresso in società?

"Vincere con la Fortis Altamura - dice il portiere goleador - è stato fondamentale. Orta Nova, sfida difficile". L'ex presidente del Melendugno, Manuel Mazzotta, pronto a entrare nei quadri societari

caroppo-coribello

Foto: a dx, A. Caroppo (@SalentoSport - M. Coribello)

Dopo un avvio con qualche passo falso di troppo, l’Otranto in queste ultime apparizioni sembra aver ritrovato lo smalto e la brillantezza delle ultime annate, conquistando, domenica scorsa, una vittoria fondamentale contro la Fortis Altamura, che consente ai biancazzurri di allontanarsi dalle zone calde della classifica: “Vincere contro la Fortis per noi è stato fondamentale – racconta il portiere goleador Andrea Caroppo -, anche perché, al netto degli altri risultati, anche un pareggio ci avrebbe messo nuovamente in una situazione di classifica non semplicissima, mentre ora abbiamo un po’ di distanza in più tra noi e le dirette concorrenti, anche se in un girone così equilibrato con un solo passo si rischia di essere risucchiati nuovamente”.

Un blocco solido e coeso ha consentito in queste ultime stagioni all’Otranto di affermarsi come una delle realtà più belle e concrete del campionato d’Eccellenza pugliese, avvicinandosi anche alle zone nobili della classifica, senza però riuscire mai a trovare lo strappo decisivo per azzannare quel qualcosa in più: “Purtroppo per poter lottare con delle realtà molto più grandi della nostra servirebbe una disponibilità certamente maggiore – spiega Caroppo – per giocare ad Otranto occorre accontentarsi, ma altre società riescono ad accontentare e tra le due cose c’è molta differenza; il nostro presidente da anni fa degli sforzi immensi per portare avanti il tutto e credo che vada ringraziato per questo, ma paragonarsi ad altre piazze risulterebbe quasi impossibile per una realtà come la nostra, anche perché si parla di forze economiche ben differenti, con un’imprenditoria locale molto più vasta. Noi dal canto nostro – prosegue l’estremo difensore idruntino -, nonostante una rosa molto giovane, ce la mettiamo sempre tutta per cercare di ritagliarci uno spazio importante in un campionato blasonato e difficile come quello d’Eccellenza. In queste annate, grazie anche al lavoro fatto con i più giovani, siamo riusciti a costruire un blocco importante, che consente al mister di avere alcune soluzioni in più, potendo puntare su dei ragazzi che dopo essere stati under, hanno avuto il merito di affermarsi anche come senior”.

Domenica Caroppo e compagni faranno visita all’Orta Nova, in una sfida pesantissima in ottica classifica: “Considerando che giocheremo lontano dal Nachira e che si tratta di uno scontro diretto in ottica salvezza, per noi sarebbe fondamentale non perdere, ma in campo entreremo certamente per provare a portare a casa i tre punti; l’Orta Nova è una squadra con delle individualità importanti, reduce dalla vittoria di Vieste, quindi si tratterà di una sfida molto difficile, che dovremo interpretare nel modo giusto. I rigori? Due anni fa dopo che ne sbagliammo due in un solo match, il mister in allenamento li fece provare anche a me e da lì riuscì a convincerlo e fino ad oggi posso dire che è andata abbastanza bene, considerando che ne ho sbagliato soltanto uno. Quando mi presento sul dischetto – conclude – non penso a nulla, se non a fare gol”.

E a proposito di società: è delle ultime ore la notizia secondo la quale nell’organigramma idruntino potrebbe entrare Manuel Mazzotta, imprenditore del ramo turistico e, in passato, già presidente della Goleador Melendugno. Nei prossimi giorni dovrebbe formalizzarsi il tutto.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati