GALLIPOLI – Salvadore traccia la rotta: “Con San Marco, Bisceglie e Orta Nova in palio una grossa fetta di salvezza”

Il tecnico giallorosso, dopo una prima parte di stagione complicata, è riuscito a tirar fuori il suo Gallipoli dalla zona rossa. La compagine salentina, ad oggi, sarebbe virtualmente salva: "Ora arriva il momento più importante della stagione, poichè ad attenderci ci saranno undici finali, quindi non c'è tempo per festeggiare, ma occorre abbassare la testa e continuare a lavorare"

salvadore-andrea-2-gallipoli-otranto-0-1-080919-ss-coribello

Foto: A. Salvadore (@SS/M. Coribello)

Dopo una prima parte di stagione certamente difficoltosa, il Gallipoli di mister Andrea Salvadore ha iniziato il girone di ritorno nel migliore dei modi, portando a casa ben dieci punti dei dodici disponibili, affermandosi nelle ultime tre sfide contro Deghi, Fortis Altamura e Martina, anche grazie ad una ritrovata solidità difensiva, con l’ultimo gol subito che risale al girone d’andata, nella sfida di Vieste.

Nessuno ha a disposizione la bacchetta magica – esordisce Salvadore  -, la nostra è una squadra costruita a partire dalla seconda metà di agosto e purtroppo nella prima fase abbiamo pagato anche il ritardo iniziale. Con il passare delle settimane e con il costante lavoro, i ragazzi hanno iniziato ad assimilare diversi concetti, limitando molto gli errori tattici iniziali e crescendo in maniera esponenziale. Il Gallipoli è tra le squadre più giovani dell’intero girone, ma credo che questo non debba rappresentare un’attenuante, anche perchè se a 19-20 anni non si hanno le capacità di giocare in Eccellenza è giusto cambiare mestiere. Quando si lavora con un gruppo dalla media età bassa, si sa bene però che il risultato incide in maniera esponenziale sul morale ed in questo il filotto positivo delle ultime giornate ci ha consentito di lavorare con maggiore serenità con la squadra che ha acquistato maggiore autostima e consapevolezza; anche quando le cose non andavano per il verso giusto io ho sempre avuto molta fiducia in questo gruppo, fatto da ragazzi fantastici, con grande predisposizione al lavoro e al sacrficio. Ora però – prosegue l’ex Otranto -, arriva il momento più importante della stagione, poiché ad attenderci ci saranno undici finali, quindi non c’è tempo per festeggiare, ma occorre abbassare la testa e continuare a lavorare, con grande concentrazione e voglia di centrare l’obbiettivo prefissato ad inizio campionato”.

Con un mercato di riparazione attento ed oculato, il Gallipoli è riuscito ad innalzare il livello della rosa, colmando tutte quelle lacune che si era proposte e riproposte nella prima fase di stagione: “Il fatto di essere partiti in ritardo quest’estate – analizza Salvadore -, non ci ha consentito di allestire la rosa nel migliore dei modi, quindi sapevamo di avere bisogno del mercato di riparazione per puntellare l’organico. Nonostante ciò, a dicembre si sono registrate alcune partenze importanti decise all’unanimità con la società, che ci hanno permesso di  intervenire in maniera mirata in quelle zone del campo in cui ne avevamo maggiore bisogno, rispettando sempre quelli che sono i parametri societari. I nuovi innesti si sono subito integrati bene, portandoci di fatto quello che ci era mancato fino a quel momento, ma nel complesso, come già detto precedentemente, tutta la squadra è salita di livello e questo sommato ai nuovi innesti, ci ha portato a far lievitare la qualità delle nostre prestazioni”.

Domenica gli uomini di mister Salvadore renderanno visita al San Marco, in un’altra sfida che si preannuncia fondamentale in chiave salvezza: “Il San Marco soprattutto in casa si è sempre dimostrata una squadra tosta, ma ad onor del vero, in questo girone di ritorno giocare in trasferta comporta difficoltà maggiori rispetto alla prima parte di campionato. Noi dal canto nostro dovremmo disputare una prestazione attenta e concentrata, sulla falsa riga degli ultimi impegni, con la voglia di conquistare il bottino pieno, ma con la consapevolezza che qualora non si riuscisse a vincere, non occorre nemmeno perdere, perchè ogni singolo punto ottenuto ora può fare la differenza a fine campionato, a maggior ragione se si tratta di scontri diretti. Domenica per noi inizierà un trittico di partite chiave, poiché affronteremo in sequenza, San Marco, Unione Calcio Bisceglie e Orta Nova e son convinto – conclude il tecnico giallorosso -,  che in queste tre partite ci giocheremo una buona fetta di salvezza“.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati