GALLIPOLI – Errico: “Società sana punto di ripartenza”, De Benedictis: “L’unico obiettivo è sudare la maglia”

Presentato il nuovo allenatore giallorosso che rivolge un pensiero all'ex Villa: "Sarebbe da stupidi non tener conto del suo ottimo lavoro"

carrozza-stefano-errico-francesco-debenedictis-angelo-buccarella-jose-gallipoli

Foto: S. Carrozza, F. Errico, A. De Benedictis, J. Buccarella (©M. Coribello)

Pomeriggio di presentazioni in casa Gallipoli. Angelo De Benedictis è stato ufficialmente annunciato come nuovo allenatore giallorosso. A fare gli onori di casa l’amministratore unico Jose Buccarella e il presidente onorario Francesco Errico, che ha sottolineato come quella del Gallipoli resti “la squadra dei tifosi”. “La scelta è ricaduta principalmente sulla conferma di Vito Faggianelli (assente per motivi familiari, ndr) nelle vesti di direttore sportivo – ha dichiarato lo stesso Errico – che poi ha puntato forte sul nuovo allenatore. La nostra idea è quella di proseguire sul percorso intrapreso lo scorso anno, con una società sana alle spalle, progetti seri. Lo scorso anno abbiamo riacceso la fiammella dell’interesse per il Gallipoli perché noi siamo nati con la maglia giallorossa. De Benedictis ha fame di successo come noi e ha voglia di dimostrare tutte le sue capacità. Ascolteremo tutti i ragazzi della passata stagione. Al mister dico che questa è una piazza che vive di calcio, non solo la domenica. La piazza non esige il primo posto ma la maglia sudata assolutamente sì”.

“Finalmente si torna a respirare aria di calcio – ha esordito Angelo De Benedictis – . A sedici anni ho lasciato Trapani con un sogno nel cuore ma, per un motivo o per l’altro, non sono mai riuscito a sfondare nel calcio che conta. Mi son ripromesso da tecnico di non ripetere i medesimi errori commessi da calciatore. Non ho esitato ad accettare questa proposta: qui c’è il mare come nella mia città, è una piazza che ti dà entusiasmo, il mio sogno è ricevere l’abbraccio del popolo giallorosso la sera quando si è per strada. Io voglio essere l’allenatore dei tifosi. Ho sempre vissuto il calcio come una emozione unica e con la massima umiltà, che cercherò di trasmettere ai miei calciatori”.

“Su questa panchina in passato si sono seduti allenatori del calibro di Calabro, Giannini, Auteri – ha aggiunto il neo tecnico giallorosso – e la lista potrebbe proseguire all’infinito. Sarebbe inoltre da stupidi non tener conto dell’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore Alberto Villa, al quale mi lega un rapporto d’amicizia. Gallipoli per me non vuol dire pressione. Garantisco serietà dentro e fuori dal campo, un allenatore bravo dev’essere anche un ottimo motivatore e psicologo. Noi non ci poniamo obiettivi ma la maglia sudata non mancherà mai. Modulo? In fase di preparazione osserverò le caratteristiche del gruppo e poi – conclude De Benedictis – cucirò il miglior abito per la squadra”.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati