Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

GALLIPOLI – De Benedictis spiega le dimissioni: “Divergenze di natura tecnica…”

Dal tardo pomeriggio di sabato Angelo De Benedictis non è più l’allenatore del Gallipoli. A distanza di 24 ore dalla comunicazione ufficiale dell’interruzione del rapporto con il tecnico di Erice da parte della società ionica, è arrivato un comunicato, diffuso dallo stesso ex attaccante, che ha voluto fare luce sulle ragioni della sua scelta.

“Onde evitare spiacevoli fraintendimenti, ritengo opportuno chiarire gli accadimenti che mi hanno portato, mio malgrado, a maturare la decisione di interrompere il mio rapporto con il Gallipoli Calcio – si legge nella nota – . Avevo accettato con gioia ed enorme entusiasmo la panchina della società giallorossa, perché il Gallipoli è un club blasonato, con una gloriosa tradizione e tanta storia alle spalle. Ritenevo che una società di tale spessore, avesse una progettualità ed una programmazione, nell’immediato, che mi avrebbe dato la possibilità di poter lavorare con serenità e prospettiva. Con la società abbiamo provato più volte a trovare dei punti d’intesa sulla costruzione della rosa, dopo essermi reso conto che era impossibile la riconferma del gruppo della passata stagione. Ma le divergenze di natura tecnica, che via via emergevano, mi hanno indotto a dimettermi da allenatore del Gallipoli Calcio, perché ho ritenuto, dopo attente e ripetute riflessioni, che non vi fossero più le condizioni per continuare.

Personalmente credo di averlo fatto nei tempi, nei modi e con il rispetto dovuti, preservando le buone relazioni con la società, dando a quest’ultima il tempo di individuare un altro tecnico ed al sottoscritto (considerato che non avevo ancora firmato il contratto) di essere a disposizione di altri club che intendano avvalersi della mia collaborazione. Ci tenevo – conclude il comunicato di De Benedictisa fare il mio personale in bocca al lupo alla società, che merita sicuramente categorie superiori e l’augurio di poter lottare per i vertici della classifica, così come dimostrato lo scorso anno. Buona fortuna”.