Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

ECCELLENZA – Entrano in scena Martina e Ugento. Il Matino si muove in attesa del ripescaggio

È sempre più calciomercato. Il passare dei giorni, sembra via via far entrare ancora più nel vivo  il mercato riguardante le compagini d’Eccellenza.

Nelle ultime ore la compagine più attiva  è senza dubbio il Martina. Secondo alcune indiscrezioni, dovrebbero iniziare la propria avventura  in Valle D’Itria, gli ex Brindisi Daniele Fruci e Dino Marino, con quest’ultimo che sembrava ormai ad un passo dall’Ugento. Gradito ritorno per l’attaccante spagnolo Javier Delgado. Piacciono inoltre gli ex Casarano Christian Quarta e Antonio Pignataro, sul quale resta forte l’interesse del Corato.

Il Barletta, come vi avevamo anticipato, ha chiuso per l’arrivo dei centrocampisti Polidori e Grazioso, e sembra essere al lavoro per  la pista che porta al forte difensore Manuel Vergori, che ad oggi però appare ad un passo dal vestire la casacca dell’Ugento. Proprio in casa Ugento è praticamente fatta per il centrocampista ex Otranto Drissa Diarra, mentre per l’attacco il nome nuovo è quello dell’ex Gallipoli Rafael Tardini.

L’Otranto lavora per il reparto offensivo, con l’ex Ostuni Caruso che appare essere in cima alla lista dei desideri di mister Manco. La Deghi dopo aver salutato praticamente l’intero blocco di centrali difensivi lavora proprio sul pacchetto arretrato. Il ds orange Antonio Lentini, proverà a regalare a mister Salvadore il duo Carrozzo-Suhs, che nel passato campionato hanno ben figurato con la maglia del Gallipoli.

La Virtus Matino in attesa dell’ufficialità del ripescaggio, è all’opera per ciò che concerne la composizione  del nuovo organico. Oltre a diverse riconferme, i nomi nuovi in entrata riguardano il difensore ex Deghi Damian Salto e l’esterno offensivo Gabriele Alemanni, che andrebbero a ritrovare mister Branà, dopo l’entusiasmante avventura di Avetrana. Il Manfredonia dopo Pasquale Trotta e Benny Cicerelli ha annunciato anche la riconferma del difensore centrale Giuseppe Telera.