Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: G. De Cagna

DC OTRANTO – Tribunale federale, inibizione e multa per De Cagna: “Un finale già scritto, auspico una ‘rivoluzione'”

Giuseppe De Cagna, già presidente della De Cagna Otranto, commenta così il provvedimento d’inibizione (tre mesi e ammenda di 400 euro, oltre ad altre 400 euro per la società) ricevuto dal Tribunale federale per dichiarazioni lesive dell’onore del presidente federale pugliese, Vito Tisci.

“Alla luce di quanto accaduto al calcio pugliese in questi anni – il commento di De Cagna anche e soprattutto a causa dell’ormai assente confronto tra società e vertici federali, era normale arrivasse la ‘condanna‘. prendo atto della stessa, avessi voluto spiegare le mie ragioni e cercare un’inutile strategia di difesa, avrei preso parte al dibattimento, ma lottare dinanzi a un finale già scritto, non ha senso. prendo atto di essere ormai fuori posto in una realtà nella quale tanto non va bene a molti, ma, alla fine, nessuno s’impegna per cambiare le cose. Il calcio pugliese ha bisogno di persone e idee nuove per ripartire, grazie alle sue enormi possibilità. Auspico che ci sia una ‘rivoluzione‘ e che tutti, presidenti delle società e federazione, remino nella stessa direzione, nella convinzione certa che una parte ha bisogno dell’altra per andare avanti e accettare nuove sfide. Che le società diventino le protagoniste del loro stesso futuro e non soltanto un’assicurazione per l’oggi e il domani di qualche dirigente federale che non ha a cuore il calcio. Il nostro è uno sport meraviglioso, l’auspicio è che possa tornare presto e per sempre al suo splendore originario”.