Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: P. De Candia
ph: Coribello/SS

NARDÒ – De Candia si gode la salvezza ma: “Sono arrabbiato, qui si poteva ben altro”. Sul futuro…

Seppur con tanta fatica, il Nardò ha centrato l’obiettivo permanenza in Serie D. Missione compiuta, quindi, per mister Pasquale De Candia, chiamato al timone di una squadra che non aveva di certo brillato in avvio di stagione, con Totò Ciullo in panchina.

L’allenatore granata, dopo aver centrato il traguardo, analizza i tanti ostacoli dovuti affrontare nel corso della stagione: “Ora è giusto essere felici – ha dichiarato in conferenza stampa – ma, comunque, sono veramente molto arrabbiato. Magari sarà un pessimo allenatore, ma credo di avere la qualità della coerenza. Quando arrivai a Nardò dissi che non avrei accettato una sfida simile soltanto per la salvezza e oggi ripeterei tutto, ecco perché sono arrabbiato. Qui a Nardò si voleva fare altro e purtroppo non è andata per il verso giusto, ecco perchè tutto ciò fa veramente rabbia. Gran parte dei gol che abbiamo preso sono arrivati da palla inattiva e ciò perché non si è stati concentrati al punto giusto o anche, possiamo dirlo, perché questa squadra aveva limiti strutturali, ma non le è mai mancata la giusta determinazione in campo e lo si è visto nel finale di stagione. però abbiamo pagato a caro prezzo anche la più piccola distrazione. Futuro? Non avevamo intenzione di vederci prima della partita col San Giorgio. Aspettiamo una settimana per rasserenarci e poi, magari, ne parleremo tutti assieme”.