ECCELLENZA – La copertina è per il Molfetta. Ugento e Audace Barletta continuano a stupire. La notizia più bella viene da Vieste… Il punto

La squadra di mister Bartoli affossa un irriconoscibile Martina. Vincono Ugento e Audace Barletta, le sorprese di questa stagione, con Esposito formidabile portiere para-rigori. La Deghi non centra il successo da tre igornate ma il pareggio con l'Otranto muove la classifica, di entrambe

molfetta-calcio-250919

Foto: il Molfetta Calcio

La copertina della nona giornata del campionato di Eccellenza pugliese è tutta del Molfetta Calcio. Di fronte al pubblico amico gli uomini di mister Bartoli affossano per cinque reti a zero il Martina, si prendono il secondo posto solitario della classifica e lanciano un segnale fortissimo al campionato. Il manifesto del match è nei primi diciannove minuti, quando il Molfetta va alla conclusione per ben sei volte, prima di trovare il gol del vantaggio. Un monologo che si protrarrà per tutta la gara. Irriconoscibile il Martina, incapace di imbastire una pur minima reazione. Ancora una volta sugli scudi Matteo Triggiani, autore di una doppietta. Per lui sono dieci le reti in campionato, che blindano il primo posto in classifica marcatori.

Il Molfetta resta l’unica imbattuta del torneo e ora è anche il miglior attacco, sia pure in coabitazione con l’Ugento, con diciannove centri all’attivo. Spettatore interessatissimo del big match del “Poli” il Corato, che infila il quinto successo consecutivo e continua a guardare tutti dall’alto. Senza lo squalificato Falconieri, ci pensano Agodirin e Leonetti a piegare, in rimonta, un Bisceglie arresosi solo al 90’. I neroverdi conservano lo scettro di difesa meno battuta, con quattro gol subiti. La peggiore, venti centri al passivo, è quella del San Severo.

Vincono entrambe le sorprese di questo primo scorcio di stagione. L’Ugento ne rifila tre all’Orta Nova, che pure avrebbe la possibilità di ritornare in partita grazie a un penalty. Ma Esposito si conferma pararigori e neutralizza il terzo della sua stagione. Si conferma formazione da trasferta l’Audace Barletta: con la vittoria di Gallipoli è arrivato il dodicesimo punto sui diciannove totali. Ancora un successo in rimonta per il Trani, che sbriga la pratica San Severo negli ultimi cinque minuti di gara. A suonare la carica è sempre Picci, che trascina i biancazzurri alla terza vittoria consecutiva. Venti punti sul campo, diciassette quelli buoni per via della penalizzazione.

Non sa più vincere la Deghi: i tre punti mancano da tre giornate. Ma il pareggio arrivato contro l’Otranto e maturato in inferiorità numerica è utile a muovere la classifica. Di entrambe. Va all’Altamura il derby tra grandi deluse di questo primo scorcio. Non riesce proprio a imporre una sterzata decisiva alla propria stagione il Barletta, apparso apatico anche contro la diretta concorrente in chiave salvezza. Perché è questo che al momento dice la graduatoria. Peggior attacco per i biancorossi (insieme a Vieste e San Marco), capaci di segnare solo sette reti. Continua, invece, il magic moment dell’Altamura. Sette punti nelle ultime tre gare.

Il Vieste fa valere il fattore campo contro il San Marco, battuto di misura per una rete a zero. Ma l’immagine più bella del “Riccardo Spina” è il ritorno a “casa”, in veste di secondo di mister Iannacone, di Rocco Augelli, che continua a combattere la partita più importante della sua vita.

Articoli Correlati