VOLLEY B1/f – Una nuova professionista al servizio del Maglie

betitaly-volley-maglie

(di Vito PALANGA) – Finalmente anche in Salento è arrivata la figura che gli alteti di successo e le grandi squadre si fregiano di annoverare tra le proprie fila: il mental coach.

La Betitaly Volley Maglie si avvarrà della professionalità di Alessandra Mattioni, massima esperta del settore che, lavorando in tandem con mister Solombrino ed il vice Cesari, si occuperà preparazione mentale delle atlete. “La mia esperienza – commenta Mattioni – mi porta a dire che solo la straordinaria efficacia ha fatto sì che al mental coaching si rivolgessero sempre più sportivi desiderosi di sfruttare più efficacemente le proprie risorse e di ottenere risultati costanti e soddisfacenti. Con il mental coaching si vince di più. Provare per credere”.

Questa figura professionale, rispetto alla più classica dell’allenatore, ha delle competenze sui processi mentali che facilitano il trasferimento delle abilità, le quali vengono incorporate dall’atleta determinando un immediato impatto positivo. “Sono stata – prosegue Mattioni – per anni la coordinatrice di una delle scuole per coach più accreditate ed oggi mi occupo di coaching e formazione, anche in ambito istituzionale. Nel corso della mia carriera ho determinato straordinari miglioramenti nella vita personale, sportiva e professionale di migliaia di persone, aiutandoli ad essere più felici, vincenti, sicuri nelle loro capacità e a relazionarsi con carisma e maggiore efficacia. Ho sviluppato un programma multidisciplinare studiato per agire sulla connessione corpo-mente, eseguire una efficace stimolazione neuronale, migliorare l’integrazione tra i due emisferi cerebrali ed acquisire abilità che consentono di sfruttare al meglio le potenzialità del nostro cervello”.

Ma di cosa si occupa, concretamente, questa figura professionale? A chiarire il concetto è ancora Alessandra Mattioni: “Il mental coach sportivo aiuta gli atleti a raggiungere performance più elevate attraverso l’allenamento mentale, focalizza l’attenzione e le azioni degli sportivi ad ottenere risultati concreti, fornisce metodi, tecniche e modi per utilizzare al massimo le risorse personali. Un mental coach sportivo non sostituisce l’allenatore, ma lo affianca per sviluppare la consapevolezza, la motivazione dell’atleta, il pieno potenziale individuale e di squadra. Lo scopo è ottenere un miglioramento complessivo dello stato mentale dell’atleta in vista di performance d’eccellenza“quot;.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati