Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

BASKET A1/m – Enel Brindisi in emergenza stende Venezia, Bucchi: “Encomiabili”

Luci accese al PalaPentassuglia per la sfida di cartello Enel Brindisi contro Reyer Venezia. Tegola per Brindisi prima del fischio iniziale, David Cournooh  viene portato negli spogliatoi per infortunio rimediato nella fase di riscaldamento. Fuori dai giochi per questa sesta di campionato. Bucchi schiera Harris, Banks, Scott, Gagic e Kadji, Recalcati risponde con Green, Owens, Viggiano, Peric, Goss.

Peric presenta il suo biglietto da visita con una tripla, inizia bene anche Gagic,il pivot biancoazzurro tra i più discussi. Brindisi tiene il passo dei lagunari grazie a un Scott e Banks in gran spolvero. Venezia è più precisa ma un coraggioso Zerini firma dalla lunga il 22-27 che sancisce la fine del primo periodo. Enel gioca a zona, limita gli avversari. I brindisini prendono coraggio prima con Kadji e poi con Banks che dalla lunga replica il fare di Bramos. I padroni di casa tengono testa agli ospiti che nonostante la buona difesa locale sono comunque avanti fino a raggiungere il +7 (32-39). Enel operaia macina gioco e dà al via alla rimonta.Marzaioli tutta grinta e voglia di far bene firma una bomba che porta addirittura i suoi all’intervallo sul 42-39.

Si riparte con una Enel guerriera ma ma soprattutto con un Gagic che fa la voce grossa nella sua area. I brindisini riescono a sottoscrivere il massimo vantaggio +10 (62-52) ma la gioia durerà poco. Bramos e compagni macinano gioco e ubriacano i locali riducendo le distanze a un solo punto. Termina il penultimo periodo: 64-63.

Ultimi di gara la Reyer ha più benzina, Brindisi apparentemente  stanca. I biancoazzurri giocano a fotocopia al terzo tempo ritornando sul +10 ma Venezia non molla, continua a tenere il ritmo degli avversari, confusionari nelle fase conclusiva. I lagunari recuperano 77-70. Il loro gioco è sfacciato tanto da giungere a 2′ dal termine sul  79-79. La gara è avvincente. Banks prende per mano la squadra, gli riesce bene. Venezia sbaglia, anche i suoi miglior giocatori sono in tilt. A 3″dal fischio finale coach Recalcati chiama sospensione per tentare l’aggancgio ma i giochi ormai sono fatti. Il PalaPentassuglia è una bolgia. Enel Brindisi batte Reyer Venezia 89-84.

Enel Brindisi con cuore e denti fa sua una gara difficile contro una nobile Venezia. Una vittoria di gruppo che può far sorridere coach Bucchi. Segnali di ripresa da parte di Gagic, autore di 14 punti. Lotta, difende e segna. Siamo sulla buona strada. Onore a Marzaioli, matricola della massima serie, il ragazzo casertano risponde presente alle chiamate del coach e non delude. Encomiabile la prestazione di Scott e Bamks rispettivamente artefici di 20 punti ciascuno. Non sono bastati a Venezia i 21 di Peric, 19 di Owens e i 15 di Bramos per espugnare il PalaPentassuglia. Enel raggiunge Venezia a quoto 8 in classifica in condominio con Reggio Emilia e Trento. Stanco ma contento coach Bucchi nel post – gara: ” I miei ragazzi hanno giocato una partita di cuore ed orgoglio. Voglio ringraziare tutti perché sono stati veramente encomiabili. L’infortunio di Cournooh nel riscaldamento ci ha presi alla sprovvista. Ho dovuto ridisegnare il match e caricare positivamente i miei. Loro sono stati bravi contro una squadra candidata seriamente a disputare la finale scudetto. Una vittoria che fa morale e classifica. Domani regalerò un giorno di riposo, se lo sono meritato e ne hanno bisogno. Giochiamo in emergenza ma ognuno sta dando il suo contributo. Una vittoria corale di un gruppo che si sta sorreggendo nelle difficoltà e che sarà il nostro tesoro quando ritorneranno gli infortunati”.


I TABELLINI

Enel Brindisi – Reyer Venezia: 89-85

Enel Brindisi: Banks 20, Scott 20, Cournooh, Harris 8, Milosevic 2, Pacifico, Gagic 13, De Gennaro, Zerini 9, Marzaioli 8, Kadji 9. All Bucchi

Reyer Venezia: Peric 21, Goss 10, Bramos 15, Tonut, Jackson 7, Green 4, Ruzzier 3, Owens 19, Ress, Simioni, Ortner 2, Viggiano 3. All. Recalcati

PARZIALI: 22-27, 42-39, 64-63, 89-84

Show CommentsClose Comments

Leave a comment