Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

MARTINA FRANCA – Sconfitta in casa della capolista Casertana, comincia un’altra settimana di passione

Dopo una settimana turbolenta in cui il Martina Franca si è ritrovato penalizzato di un punto ed ultimo in classifica, nonché privo del dimissionario diesse, Aldo Sensibile, che ha rimesso irrevocabilmente il mandato, parlare della gara contro la Casertana sembra quasi una formalità.

E per com’è andata, di poco più di una formalità si è trattato, visto che dopo sette minuti i falchetti rossoblù campani si trovano già in vantaggio. L’azione nasce dall’involontaria complicità di Antonazzo che, nel controllare la palla proveniente da un lancio, cincischia col pallone appena dentro l’area e lascia spazio libero per il cross dalla sinistra a Tito che serve di testa Negro che fa centro e porta i suoi in vantaggio. La reazione del Martina non si fa attendere ed al 17′ Schetter dal limite impegna alla respinta a terra Gragnaniello. La Casertana controlla ed il Martina fa solo possesso palla senza impensierire più di tanto i padroni di casa. Il finale di tempo è movimentato e si rivede al 44′ la Casertana in avanti con Mangiacasale che colpisce la traversa dopo essersi smarcato benissimo in area su suggerimento dalla sinistra di Capodaglio. Non passa nemmeno un minuto ed è Negro, l’autore del vantaggio campano, ad impegnare a terra Viotti, sempre il migliore dei suoi. Sul capovolgimento di fronte, Schetter, ancora dal limite, sfiora il montante destro di Gragnaniello con un tiro potente. Ed un discreto Martina va al riposo, con l’auspicio che si possa ripetere quanto di buono accaduto a Catania.

Ma la formazione di Incocciati evapora nella ripresa, quando è costretta al minuto otto anche a subire il gol del raddoppio su rigore siglato da Mancosu a seguito dell’atterramento operato da Viotti su De Angelis. Salvo un’occasione al 19′, frutto di una punizione dalla destra di Bogliacino che costringe Gragnaniello alla respinta sul primo palo, la gara perde intensità e diventa poco meno di un allenamento per la neo-capolista del girone, mentre il Martina, nonostante i cambi operati da Incocciati, proprio non c’è. Dopo quattro minuti di recupero, il direttore manda le squadre negli spogliatoi e per il Martina comincia un’altra settimana di passione in cui, dopo le dimissioni di Cervellera, prima, e di Sensibile, poi, dell’organigramma societario estivo, al quale hanno fatto seguito continue evoluzioni, rimane ben poco.

E’ davvero sconfortante constatare come ci sia una squadra che, pur tra mille difficoltà e nonostante abbia dato prova di avere i mezzi per tirarsi fuori dai guai, è costretta a dover metabolizzare una situazione societaria molto simile ad un campo minato.

Fuori Buonfrate, Corbascio e Petrosino da ruoli che, a tutt’oggi, ancora non sono stati rimpiazzati, il presidente Lippolis, non a torto, può essere definito come un uomo solo al comando, coraggioso di sicuro, ma pur sempre un “deus ex machina” che difficilmente, coi tempi che corrono, potrà reggere il peso della gestione di un campionato di Lega Pro, conquistata dal suo collega di professione, avv. Donato Muschio Schiavone, e garantita dall’imprenditore Stefano Scatigna.

Due persone di Martina Franca alle quali non si può non essere riconoscenti. La sensazione che maggiormente si avverte, almeno da due o tre settimane ad oggi, è che la società itriana, forte anche delle conoscenze professionali in ambito imprenditoriale che può vantare l’avv. Muschio Schiavone, possa essere salvata solo da un suo ritorno, magari anche in secondo piano, visto che il solo coraggio di un uomo, nel calcio di oggi, è ben poca cosa dinanzi ai numeri, sportivi e contabili, che, al momento, condannano impietosamente il Martina.


Domenica 8/11/2015, ore 17.30
Stadio “Pinto” di Caserta
Lega Pro gir. C 2015/16 – 10^ giornata

CASERTANA – MARTINA 2-0
Reti: 7’pt Negro (CAS) e 8’st Mancosu (CAS) su rigore

CASERTANA: Gragnaniello, Rainone, Tito, Capodaglio, Idda, D’alterio, Mangiacasale (35’st Finizio), Mancosu, Negro, Agyei (23’st Rajcic), De Angelis (30’st Alfageme). A disposizione: Maiellaro, Gala, Pezzella, Kuseta, De Marco, Varsi, Guglielmo, Cesarano, Ciotola. Allenatore: Romaniello

MARTINA: Viotti, Antonazzo, Rullo (15’st Cristea), Viola, Migliaccio, Marchetti, Schetter, Zappacosta, Baclet (24’st Gaetani), Bogliacino (32’st Gabrielloni), Franchini. A disposizione: Gabrielli, Allegra, Cristofari, Sirignano, De Lucia, Basso, Danese, Curcio, Simone. Allenatore: Incocciati

ARBITRO: Mei di Pesaro (Grossi – Diomaiuta)

NOTE: Serata dal clima gradevole con terreno in buone condizioni e temperatura intorno ai 16°. Spettatori 3000 con rappresentanza ospite. Ammoniti: Capodaglio e Rainone (CAS); Franchini e Viotti (MF). Angoli: 6 -4 per la Casertana. Recupero: pt 2’ e st 4′ .

Show CommentsClose Comments

Leave a comment