BASKET C2 – Al Nardò manca il colpo grosso, ma tanta fiducia in vista di gara 2

TARANTO – Ci ha creduto sino alla fine il Nardò di coach Tommaso Leucci sul parquet della Libertas Taranto nel primo atto della semifinale play-off, sfiorando in più fasi della contesa di ribaltare il punteggio avverso. Non ha mai mollato il team granata, mandando segnali incoraggianti in vista di giovedì, per gara 2.

La gara, alla prima palla-due coach Terulli schiera: Calabretto, Albanese, De Leonardis, Gonzalez e l'americano Barker, rispondono i neretini con: Colella, Bruno, Leucci, Sordi, Mazzarella. Un inizio di partita da dimenticare, per gli uomini del presidente Carlo Durante, primo break tarantino di 12-0, con Albanese, De Leonardis, Barker e Gonzalez sugli scudi in avvio. La coppia arbitrale non è molto morbida, nei confronti dei boys Leucci, in particolare sul centro argentino granata, Carlos Sordi, già al terzo fallo personale nella prima frazione. Ma i granata tirano fuori l'orgoglio e rimangono in partita con Leucci e il neo entrato, capitan Dell'Anna, -11 a fine primo quarto: 21-10 Taranto.

Secondo quarto, coach Leucci manda in campo Michele Dell'Anna e Ivan Todisco. Sono i due neo entrati a guidare la rimonta neretina, assieme a due triple, prima di Maurizio Mazzarella e poi Michele Colella, il Nardò si porta sul -4. Grande cuore del Nardò, che nel momento di sbandamento è riuscito a resettare tutto e cancellare il brutto primo quarto. Lo spauracchio Barker, viene limitato a dovere da Mazzarella e Dell'Anna. Tornano in partita, però, i padroni di casa, guidati dall'ottimo De Leonardis, 41 primavere che dai 6.75 m non perdona. Il team di coach Terrulli, sospinto dal proprio calorso pubblico, riprende in mano le redini dell'incontro +12 all'intervallo: 35-23.

Nella ripresa, l'Aido Nardò, continua il suo momento migliore, dando testa alla Libertas. L'asse Mazzarella-Todisco gioca un brutto scherzo al team locale. E il regista Michele Colella, supportato da Michele Dell'Anna, guida i suoi, portandoli sul -7. Colella trova un'altra realizzazione da tre punti, chiudendo lo scout personale con 8 assist all'attivo. Nel finale di periodo, due realizzazioni dalla lunga distanza, una al limite dei 24 secondi, ancora dello scatenato De Leonardis, fa chiudere anche il terzo quarto, a favore dei tarantini sul: 51-37.

Ultimo quarto, Giuseppe Ferilli e compagni iniziano a soffrire la difesa a zona neretina. Rientra Carlos Sordi al posto di Mazzarella, il centro argentino seppur a rischio quinto fallo, se la gioca ad armi pari contro il connazionale Gonzales. Sordi realizza i suoi 13 punti, tutti nell'ultima frazione, il Nardò recupera terreno, tripla di Todisco e 3/4 ai liberi di Colella. Neretini pronti al colpaccio sul -7 ad un minuto dalla fine. I padroni di casa soffrono l'onda d'urto del Nardò, ma Albanese e compagni mantengono il vantaggio, non rischiando più di tanto, i granata si aggiudicano il quarto parziale, ma il tabellino finale, dice, 66-57 Taranto. E ora giovedì il return match, al Pala Giannone alle ore 20:30.

Da dimenticare il primo quarto, e quel break 12-0 iniziale che alla lunga ha pesato nelle gambe di Simone Bruno e compagni, ma da elogiare il cuore e la voglia di ribaltare il passivo iniziale. Fiducia, fiducia e ancora fiducia, per gara 2, sperando oltre ad un bello spettacolo, ad una buona ed esperta direzione di gara, per un match di un certo spessore.

LIBERTAS TARANTO 66
Ferilli G.8,De Leonardis19,Gonzalez9,
Calabretto7,De Pasquale5,Salerno,
Albanese7,Appeso V.n.e.,Barker11,Appeso P.,
Allenatore: Terrulli Domenico

NUOVA PALLACANESTRO NARDO' 57
Battistini n.e.,Dell'Anna M.3,Todisco11,
Dell'Anna D.6,Ferilli D. n.e.,Leucci3,
Mazzarella8,Colella11,Sordi13,Bruno2.
Allenatore: Leucci Tommaso

ARBITRI: Soldano (Trani), Conterosito (Matera)
PARZIALI: 21-10/35-23/51-37/66-57.

Lorenzo FALANGONE
Nato 27 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio "M. Campione" 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro "Per dirti ciao".

Articoli Correlati