SERIE B – Spezia, l’ultimo ostacolo per la A è un osso duro. Liguri mai battuti da una big

L'undici di Marino ha strappato quattro punti al Brescia e due al Palermo, oltre al pari con i salentini. Con un punto i playoff sarebbero in cassaforte

Foto: Lo Spezia

Per il Lecce di Liverani c’è l’ultima ostica curva da superare, indenne e vincente, per tagliare il traguardo della promozione in Serie A. Una curva che è però di quelle tortuose, difficili da interpretare almeno fin quando non te le trovi davanti: lo Spezia di Pasquale Marino. I liguri, partiti in estate con l’obiettivo di centrare i playoff, hanno frequentato con costanza le zone medio alte della classifica fino all’attuale sesto posto che rispecchia i valori di tutto rispetto della rosa, piazzamento frutto di un cammino d’altro canto contraddistinto da un alternarsi di qualità nelle prestazioni che hanno reso i bianconeri una vera e propria mina vagante del campionato.

Difesa solida ma non impeccabile (al passivo 44 gol, come il Lecce), centrocampo tra i più dinamici della categoria ed attacco privo di un vero goleador ma di sicura affidabilità, tanto da essere il quinto migliore del torneo. Un dato che non farà stare tranquillissimi i tifosi giallorossi è rappresentato dallo straordinario score dei liguri nei confronti delle prime tre della classe, con le quali non hanno mai perso, vedi i due pari con il Palermo (compreso il 2-2 di dieci giorni fa che ha regalato il primo match ball alla banda di Liverani), la vittoria dell’andata sul Brescia a cui ha fatto seguito lo scoppiettante 4-4 del ritorno, oltre all’1-1 ottenuto proprio con il Lecce al Picco. Lo Spezia sa quindi come fare per farsi rispettare negli stadi più ostici.

Come se non bastasse, a non sorridere per i giallorossi c’è lo score dei precedenti al Via del Mare. Score che vede addirittura il Falchetto in vantaggio per 2 vittorie ad 1, più 3 pareggi. L’unico successo leccese risale alla Serie B 1930/1931 (finì 4-2), e nel più recente incrocio, lontano 12 anni, il punteggio finale fu di 2-2.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati