Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – La “prima volta” di Liverani: “E’ stata solo una gara storta, noi sempre nella loro area”

Visibilmente amareggiato per la sua prima sconfitta in campionato sulla panchina del Lecce, il tecnico giallorosso Fabio Liverani ha parlato in sala stampa della sconfitta, sorprendente e tutto sommato immeritata (almeno nelle occasioni avute, non nell’atteggiamento), subita dai suoi al cospetto di una non certo imbattibile Juve Stabia.

L’allenatore romano ha così commentato le possibili ragioni del ko: “Gare e risultati del genere possono capitare, perché questo è il calcio. Di certo c’è che non meritavamo certo di perdere, anzi, e rimango dell’idea che avevo che questo campionato si deciderà all’ultimo. Abbiamo fatto il nostro, non lo abbiamo fatto bene e certamente siamo stati meno precisi di altre volte. Forse non sono stato bravo a trasmettere le potenziali difficoltà di questo match ai miei ragazzi. Non abbiamo capito che con avversari tanto abbottonati era necessario velocizzare le giocate, e invece giocavamo a due tre tocchi. L’errore vero è stata però l’imbucata centrale su lancio lungo che ha portato al loro gol. Peccato, l’avevamo provata, ma ci rimbocchiamo le maniche e si riparte senza gravi problematiche. E’ arrivata questa prima sconfitta, che comunque non cancella i 22 risultati utili inanellati”.

Per l’allenatore non c’è stata nessuna pressione negativa o “vertigine” da capolista: “Non credo che ad influire sia stata la possibilità di allungare in vetta, almeno non lo è stato per me, spero nemmeno con i ragazzi. E’ stata una gara storta, stiamo commentando uno 0-1 ma anche una gara passata per oltre tre quarti nella metà campo avversaria. Bisogna prenderla per quella che è, una sconfitta che va accantonata perché ce ne sono altre da giocare”.

Riguardo la scelta di inserire Tabanelli, Liverani ha chiosato: “Non c’erano spazi, non c’erano linee di passaggio e visto che avevamo bisogno di qualche cross in più Tabanelli ha più struttura di Tsonev. Giocare sul cambio passo e sulle percussioni centrali oggi era difficile, sugli esterni ci siamo mossi bene mancando solo al momento del cross. In tal caso avremmo potuto far male alla Juve Stabia”.