Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Postpartita, Cosenza: “La squadra c’era, ci è mancato il guizzo”. Lepore: “Abbiamo lottato”

Nel dopogara di Lecce-Juve Stabia, gara vinta dalle Vespe con un clamoroso 0-1, ha commentato il match in conferenza stampa Francesco Cosenza e Franco Lepore.

Per il difensore calabrese il risultato non ridimensiona le qualità dei salentini e non cambia quello che c’è da fare: “Quando c’è una sconfitta c’è sempre rammarico, ma è stato uno scivolone brutto solo fino a un certo punto. Questo perché la squadra è stata viva, ci ha provato fino alla fine e ha giocato creando tanto. Abbiamo trovato di fronte una grande Juve Stabia, che si è difesa bene giocando completamente schierata sotto la linea della palla. Il Lecce c’era, a mancare è stato il guizzo decisivo. Il campionato per non non cambia, aperto era in caso di vittoria e aperto è rimasto. Noi rilassati? Assolutamente no, siamo sempre sul pezzo. Con i gialloblù, non è mancato l’impegno, semplicemente gli episodi non ci hanno sorriso. I tifosi hanno capito il cuore che ci abbiamo messo. Oggi siamo caduti, ma questo non ci deve fermare”.

Il capitano leccese ha motivato il suo ritardo con cui si è presentato in sala stampa, spiegando tuttavia che non vi è stato alcun particolare confronto negli spogliatoi perché si è trattata solo di una gara non andata per il meglio: “Non c’è da dire tanto, c’è da andare avanti come successe dopo la sconfitta di Catania con l’arrivo di mister Liverani. Noi puntiamo a migliorare ciò che non è andato, partita dopo partita. Poi con la Juve Stabia non è accaduta nulla di grossolano, sono stati bravi gli avversari a chiudersi e noi non siamo riusciti a scardinare i loro meccanismi difensivi. Abbiamo lottato fino alla fine, il pubblico se n’è accorto e infatti ci ha dato merito di questo”.