LECCE – Liverani non soffre di vertigini: “È giusto l’entusiasmo dei tifosi, ma noi pensiamo solo a lottare per l’obiettivo”

Con il Cosenza altra prova super dei giallorossi: "Stanno raccogliendo i frutti del gran lavoro che fanno e della cura dei dettagli che ci mettono"

Foto: Fabio Liverani (©salentosport.net)

Altra gara da applausi e altra conferenza stampa postpartita a suon di complimenti ricevuti e girati ai suoi ragazzi per Fabio Liverani, che ha commentato Lecce-Cosenza con il sorriso di chi sa che sta facendo qualcosa di straordinario dopo un duro e certosino lavoro.

Una disattenzione, tanta lotta e poi il solito bel calcio nella gara dei giallorossi:Ci meritiamo questi risultati, peccato non poterceli godere appieno perché si scende subito in campo. L’unico errore è stato commesso in occasione del loro vantaggio, sebbene avessimo a lungo provato quelle situazioni per evitare imbucate. Il pareggio ci ha dato linfa, poi siamo stati bravissimi ad evitare di essere colpiti i contropiede negando loro di sfruttare gli ampi spazi che, attaccando con continuità, logicamente andavamo a concedere. Ci abbiamo messo pazienza, poi abbiamo accelerato. Nella ripresa non c’è stata storia, abbiamo giocato completamente come sappiamo fare”.

Il tecnico ha così spiegato la scelta iniziale di Arrigoni e la successiva sostituzione con Tachtsidis poco prima dell’accelerata decisiva per la vittoria finale:Panagiotis era un po’ affaticato, poi quando c’era bisogno di un po’ più di qualità per assaltare gli avversari nella mezz’ora finale l’ho inserito. Andrea ha comunque fatto alla grande il suo mestiere, ovvero tenere uniti i reparti ed evitare di prendere sbandate a causa della velocità degli elementi offensivi del Cosenza. La Mantia? Gli chiediamo tanto, ci può stare un po’ di stanchezza e qualche botta presa”.

Per la prima volta nella sua storia, il Lecce conquista nove punti in tre gare interne messe in fila dal calendario: “Questo è solo un dato statistico, a noi serve più la concretezza. E per questo il dato a cui bado è la continuità che mi dice che la mia squadra è in un momento di grande forma fisica ma soprattutto mentale, perché non si lasciano sfuggire nulla. C’è un fattore fisico che è importante, ma è tutto legato anche al saper gestire mentalmente la situazione. I ragazzi sono molto attenti ai dettagli, e stanno giustamente raccogliendo i frutti di quanto fanno. I tifosi? E’ giusto il loro entusiasmo, noi non abbiamo fatto nulla e dobbiamo lottare per l’obiettivo finale”.

Tropical Store

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati