LECCE – Un punto che fa morale: il Lecce resiste bene alle offensive del Genoa

Foto: Il 'Ferraris' di Genova

Un punto che fa morale. Il Lecce rompe la serie negativa e porta a casa un buon pareggio contro il Genoa di Alberto Malesani. I giallorossi sono alla pari con Inter e Cesena a 4 punti, ma avrebbero potuto portare a casa l’intera posta specie dopo il rosso di Kaladze, al minuto 79. Forse la paura di una nuova sconfitta ha fatto sì che Di Francesco si accontentasse di un pareggio comunque soddisfacente su un campo duro come quello di Marassi. E’ piaciuto comunque lo spirito di un Lecce battagliero con Obodo, Strasser e Giacomazzi bravi a fare legna contro i genoani. Un plauso a Nenad Tomovic, decisivo in più occasioni su Palacio, e a Massimiliano Benassi autore di ottime parate.

Il primo tempo ha visto un Genoa che creato pochi problemi, con il Lecce che si è difeso in maniera molto ordinata, cercando la ripartenza in contropiede. I rossoblu si sono resi pericolosi solo grazie ad azioni individuali: Benassi è stato bravo a deviare un bel sinistro del tedesco Merkel, al 5’ minuto, l’unica parata importante della sua partita. Il Lecce ha sfiorato il vantaggio su punizione con Mesbah, che dal limite calcia di poco fuori, al minuto 7. I giallorossi sono stati bravi a chiudere bene le iniziative della squadra di Malesani che, pur avendo un buon predominio territoriale, non ha quasi mai impegnato in maniera importante il numero uno Benassi, bravo però a deviare un velenoso sinistro di Veloso su punizione.

Nella ripresa il copione non è cambiato. Il Lecce si è difeso dalle offensive del Genoa, specie nei primi venti minuti. I rossoblù si sono resi pericolosi con Palacio, al minuto 48, chiuso in extremis da una buona chiusura di Tomovic. Di Francesco ha cercato la via del contropiede, inserendo Cuadrado per Pasquato, lasciando Ofere unica punta, rimpiazzato poi da Corvia. I giallorossi però hanno rischiato grosso: il neo entrato Jorquera, al minuto 64, coglie il palo con un destro da fuori. Palacio si getta sulla ribattuta ma viene chiuso dal doppio intervento di Tomovic e Benassi. Nonostante abbia avuto la fortuna di giocare per un quarto d’ora in superiorità numerica per il doppio giallo nel giro di tre secondi a Kaladze, il Lecce non è riuscito a pungere e si è accontentato di portare a casa un punto che fa morale e scuote la classifica, grazie anche all’ottimo Benassi che, al minuto 94, riusciva a disinnescare una bomba di Jankovic.


Il tabellino di Genoa-Lecce

Genova, stadio “Luigi Ferraris”
domenica 16.10.2011 ore 15
Serie A 2011/12 – settima giornata d’andata

GENOA 0
LECCE 0

GENOA (4-3-1-2): Frey, Rossi, Danielli, Kaladze, Antonelli, Kucka (62’ Jorquera), Veloso, Birsa (76’ Jankovic), Merkel, Palacio, Caracciolo (62’ Pratto). A disposizione: Lupatelli, Moretti, Bovo, Jorquera, Jankovic, Seymour, Pratto. Allenatore: Malesani.

LECCE (4-3-1-2): Benassi, Oddo, Tomovic, Esposito, Mesbah, Strasser, Obodo, Giacomazzi, Grossmüller (81’ Bertolacci), Ofere (69’ Corvia), Pasquato (58’ Cuadrado). A disposizione: Gabrieli, Carrozzieri, Cuadrado, Giandonato, Bertolacci, Muriel, Corvia. Allenatore: Di Francesco.

Arbitro: Gava di Conegliano.

Ammoniti: Caracciolo, Kaladze, Jorquera (GENOA), Giacomazzi, Strasser, Benassi, Tomovic (LECCE).

Espulsi: Kaladze al 79’ (GENOA).

Articoli Correlati