Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Umtiti ed il suo mondo giallorosso: “Questo è il posto ideale per ritrovarmi”

Prima conferenza stampa da calciatore del Lecce per Samuel Umtiti, che ha parlato poco fa incentrandosi su obiettivi ed impressioni dei primi mesi nel Salento.

Il francese si sta interfacciando con un nuovo modo di giocare: “Il calcio italiano è molto diverso dal calcio che si fa in Francia e Spagna, è molto fisico e tattico. Questo mi dà così la possibilità di scoprire un nuovo calcio, con una nuova squadra. Il livello nella Serie A è molto alto e la nostra squadra ha tutte le possibilità di vincere delle partite e fare bene in base a quelli che possono essere i suoi obiettivi. Con il mister parliamo molto di come dobbiamo giocare, io lo ascolto molto e lui ascolta anche me”.

Sulla nazionale francese: “E’ un mio obiettivo, ma la cosa che conta di più è sentirmi importante per la squadra, fare il mio gioco ed aiutare il Lecce. Con la Francia ho fatto raggiunto traguardi, vedremo se ci sarà la possibilità e intanto penso ai giallorossi”.

E quell’indimenticabile accoglienza all’aeroporto: “I tifosi del Lecce mi hanno subito dimostrato di essere speciali in quel 25 agosto. E’ stata per me è un colpo importante, a me piace condividere tutto con i tifosi perché hanno un ruolo importante. Il mio obiettivo è ritrovare la forma di tre anni fa lavorando per essere sempre più utile ai giallorossi. Sono rientrato a giocare con la Roma proprio per arrivare in una certa condizione”.

Ha scelto il Salento per diversi motivo: “Dopo l’esperienza di Barcellona avevo bisogno di un posto bello, tranquillo e discreto in cui tornare ad esprimermi. Inoltre il club ha promesso che avrebbe fatto con me un certo tipo di percorso per permettermi di tornare ai miei livelli. Poi ci sono stati anche contatti con altre squadre ma non sono pentito, ho fatto la scelta giusta”.

Umtiti ha usato belle parole per i compagni“Mi trovo bene con tutti, c’è davvero un bel gruppo. Baschirotto sì, sta facendo davero bene e può fare ancor più, dimostrando di essere tra i migliori in quel ruolo. Tra i giovani in tanto mi hanno davvero impressionato, ma se devo fare un nome direi Gonzalez. La squadra è comunque giovane con tanti giocatori di personalità”.

L’arbitraggio di Prontera a Roma non è certo piaciuto al difensore: “Da calciatori è difficile giudicare, di certo non ci sono stati degli episodi favorevoli e questo lo abbiamo pagato”.

Lunedì la prima al Via del Mare: “Stiamo preparando nel dettaglio una gara difficile come quella con la Fiorentina. Io sono certamente emozionato perché l’ambiente ci carica tanto, non vedo l’ora di giocare. Spero che ogni volta che giocheremo in casa i supporter ci spingeranno al massimo”.