Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Torna la Coppa di Lega Pro, giallorossi a Cosenza. Opportunità di ripresa o puro fastidio?

Nemmeno il tempo di smaltire la rovinosa (negli effetti più che nelle modalità) caduta di Catanzaro, che al Lecce tocca tornare subito in terra calabra, stavolta per i sedicesimi di Coppa Italia Lega Pro in casa del Cosenza. Nonostante il torneo dedicato alle compagini di terza serie stia per entrare nel vivo, in casa giallorossa quest’ultimo sembra essere più un peso nel percorso di crescita di Papini e compagni che una competizione a cui puntare con convinzione.

Negli ultimi anni, ovvero da quando il club di Piazza Mazzini ha fatto ritorno nella vecchia Serie C, il rapporto con la Coppa non è mai stato dei migliori, tant’è che quasi sempre è stata vista come una semplice occasione per far giocare seconde linee e giovanissimi, a discapito dei risultati. Solo nel 2012/2013, infatti, il Lecce è andato quasi fino in fondo alla competizione, eliminando nell’ordine Martina, Nocerina, Aprilia e Perugia, prima di essere superato in semifinale dal Latina. L’anno successivo i giallorossi con Lerda alla guida si fermarono prima delle semifinali a causa delle sconfitte, nel girone eliminatorio, con Grosseto e Perugia (precedentemente Miccoli e compagni avevano sconfitto Foggia e Barletta), mentre nella passata stagione il cammino si interruppe già al Primo Turno dopo il match casalingo, perso ai rigori, con il Matera.

I lucani sono stati anche i primi avversari del Lecce nella Coppa Italia di Lega Pro 2015/2016, nella gara secca di due settimane fa che ha visto i salentini prevalere grazie ai centri di Diop e Monaco. Una vittoria, quella con il Matera, che è parsa più frutto della verve individuale di chi è sceso in campo consapevole di essere una riserva (almeno in questo frangente della stagione) che dalla fame di successo di mister Braglia, che ha dichiarato con sincerità quanto poco gli interessi il passaggio del turno in Coppa. Alla luce di tali elementi, non è dunque azzardato affermare che in casa giallorossa la gara di domani con il Cosenza rappresenti un fastidio lungo il cammino della risalita in campionato piuttosto che un’opportunità vera e propria per tornare subito alla vittoria e testare le qualità di chi è stato momentaneamente messo in secondo piano. In ogni caso, come sempre sarà il campo a dire la verità.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment