LECCE – Sticchi Damiani inaugura il nuovo corso: “Basi solide e tifosi al centro del progetto per tornare ad alti livelli”

sticchi damiani saverio foto michel caputo

Foto: Saverio Sticchi Damiani (@Michel Caputo)

All’indomani della firma del contratto preliminare tra la cordata rappresentata dall’avvocato Saverio Sticchi Damiani e l’ex proprietario giallorosso Savino Tesoro, in casa Lecce è tempo di presentazioni. Nella tarda mattinata di oggi, infatti, si è tenuta la conferenza stampa di inaugurazione del nuovo capitolo societario, nel corso della quale sono state proprio le dichiarazioni di Sticchi Damiani a tener banco.

Il legale leccese ha esordito sottolineando la sua contentezza in una giornata tanto importante per il calcio leccese e ringraziando le società precedenti: “Per me è una grande emozione essere qui oggi per poter scrivere una nuova pagina del calcio leccese. Non l’avrei mai immaginato, nemmeno un mese fa. L’idea che ha portato alla trattativa per l’acquisto del Lecce è infatti nata non molto tempo fa, e si è evoluta in maniera molto veloce, ma ciò non esclude il fatto che il nuovo progetto che oggi mi trovo a presentare con orgoglio poggi su basi più che solide. Per tutto questo devo ringraziare il presidente Savino Tesoro, che ci consegna una società in salute e che ha tutte le premesse per fare bene. La mia frase di qualche giorno fa ‘finalmente il Lecce ai leccesi’ non era assolutamente una polemica nei suoi confronti, ma anzi voleva sottolineare come solo adesso si è reso possibile che esponenti locali potessero prendere in mano il club giallorosso.Tesoro, ripeto, va ringraziato, perché ha fatto cose che i leccesi non sono stati in grado di fare, ossia salvare la società tre anni fa. Allo stesso tempo volevo ringraziare anche la famiglia Semeraro, sia perché mi hanno fatto avvicinare al mondo del calcio sia per i risultati sportivi prestigiosi che hanno raggiunto nel corso della loro gestione”.

L’avvocato ha poi elencato gli elementi che compongono la cordata e che, una volta concretizzato il passaggio di proprietà, andranno a comporre l’organigramma societario: “Il nostro gruppo sarà subito operativo, e vede in Enrico Tundo, imprenditore attivo nel settore dei trasporti, un elemento di spicco. Enrico ha tutte le caratteristiche per far bene all’interno della neonata società. C’è poi Corrado Liguori, il quale viene dal settore finanziario e che ha fatto qualcosa di molto importante e concreto per il Lecce, andando a formare una srl che avrà parte delle quote del club giallorosso. Con loro vi saranno Salvatore De Vitis e Ferdinando Aiello, quest’ultimo unico non salentino della cordata. Romualdo Corvino ci darà invece una mano per quanto riguarda l’area tecnica, fornendoci una consulenza preziosa e dettata dalla grande esperienza che può vantare nonostante la giovane età. Stefano Trinchera, figura vincente nel panorama calcistico, sarà invece il responsabile dell’area tecnica, e non va dimenticata una figura di spicco come Stefano Adamo, che si è mostrato disponibile nel darci una mano. Io personalmente lavorerò dietro le quinte, mentre l’organigramma completo verrà reso noto nelle prossime settimane, quando sarà composto il nuovo cda societario. Infine, annuncio che è stato trovato l’accordo con uno sponsor importante, di rilevanza nazionale, il cui nome verrà reso noto nei prossimi giorni”.

Infine, Sticchi Damiani ha esposto il progetto che la nuova società conta di portare avanti: “Questa società poteva interessare solo a gente appassionata, visti i pochi guadagni che comporta intraprendere un’avventura come questa, e noi certamente lo siamo. Il nostro obiettivo è essere competitivi ed onesti, poi è ovvio che restare in Lega Pro non interessa a nessuno. Anzi, qualora si presenterà la possibilità di un immediato ripescaggio in Serie B, noi di certo non ce la faremo scappare. Punteremo molto sul settore giovanile, investendovi risorse importanti, e soprattutto la nostra attenzione è rivolta ai tifosi. Ai quattromila fedelissimi che non hanno mai abbandonato il Lecce, nemmeno nei momenti più difficili, non ho nulla da dire, se non ringraziarli. Il nostro progetto mira invece al coinvolgere tutti, anche coloro che hanno quasi sempre preferito restare a casa e puntare il dito contro quando qualcosa non girava nel verso giusto. Vogliamo coinvolgere tutti per riaccendere l’entusiasmo, che ultimamente è venuto meno nonostante il grande attaccamento alla maglia dei tifosi leccesi. Vogliamo riportare la gente allo stadio.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

Lascia un commento