Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Savino Tesoro contro i giocatori: “Sono signorine, dovranno sudare fino all’ultimo giorno”

Quella di ieri non è stata certo una giornata di quiete in casa Lecce. Dopo il giorno di riposo che ha fatto seguito alla mesta conclusione del campionato a Lamezia, il gruppo ha ripreso ad allenarsi agli ordini di mister Alberto Bollini in un clima che trasudava delusione ed amarezza da ogni poro.

A rendere ancora più pesante la situazione ci hanno pensato una trentina di tifosi che, nel corso della seduta, hanno accusato i giallorossi di essere mercenari e venduti. Una reazione prevedibile da parte di chi ha visto, per il terzo anno di seguito, la sua squadra fallire l’obiettivo-promozione. A rincarare la dose ci ha però pensato il patron Savino Tesoro, che ha usato parole ancor più dure nei confronti dei suoi calciatori.

“Sono delle signorine, e se pensano che le vacanze siano vicine si sbagliano di grosso. Dovranno sudare fino al termine della stagione. Sono queste le cocenti dichiarazioni rilasciate dal presidente del club di piazza Mazzini alla Gazzetta dello Sport. Parole sicuramente pronunciate a caldo, che palesano ancor di più l’amarezza per il traguardo minimo mancato, e precedenti all’allenamento di ieri a cui Tesoro ha poi assistito e dopo il quale ha incontrato i giocatori per un confronto faccia a faccia. Cosa si saranno detti negli spogliatoi del “Via del Mare” non è dato saperlo, ma sicuramente non saranno state frasi gentili.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment