Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Postpartita, Papini: “Il gruppo è unito, ci siamo”. Lepore: “La nostra è squadra di lottatori”

Nel dopogara di Lecce-Paganese, tra i giallorossi hanno preso parola il capitano Romeo Papini e Franco Lepore.

Il mediano romano ha sottolineato l’importanza dei tre punti e l’unione di un gruppo il cui obiettivo è vincere: Era importante tornare alla vittoria dopo un aprile delicato. Volevamo fortemente questo successo e l’abbiamo meritato. Il gruppo è unito, ed ovviamente le notizie uscite fuori in un periodo di flessioni sono infondate, perché questa squadra ha sempre dimostrato di esserci. La classifica? Il campionato è aperto, ma noi ci prepariamo pensando solo alle nostre partite, perché siamo consapevoli di affrontare sempre squadre che vogliono fare il loro massimo. Qui a Lecce vengono e vogliono fare tutti i fenomeni, ma non è una scusante bensì un dato di fatto, per questo noi dobbiamo essere concentrati ad ogni partita. L’espulsione di Cosenza? Non ho avuto modo di rivederla ancora, ed in campo non mi sono reso conto di come sia andata”.

L’esterno salentino si è soffermato in modo particolare sulla voglia di lottare dell’undici giallorosso: “E’ stata una vittoria di carattere, volevamo tantissimo questi tre punti e siamo riusciti a conquistarli anche con un po’ più di pazienza, che con squadre impostate sulla difensiva serve sempre. Il successo ci da la spinta per il futuro, ed ora la nostra testa è già alla trasferta di Benevento. Arrivare primi non è l’unica strada per cercare la promozione, e come ho già detto in settimana arrivare ai play-off sarebbe comunqeu un traguardo importante che ci lascia aperte delle possibilità per il futuro. Il rosso a Cosenza? Forse eccessivo, ma credo sia stato l’atteggiamento complessivo del direttore di gara nei nostri confronti a non andare bene. Questa squadra vuole lottare, crederci e non mollare mai. La nostra gente vuole questo e noi questo vogliamo dargli, cercando la vittoria. L’incitamento dei tifosi in settimana? Di certo non ci ha dato fastidio, anzi ci ha incitato e dobbiamo ringraziarli”.