Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Maggio si presenta: “Qui per vincere ancora e far crescere i giovani”. Corvino su Pettinari: “È a disposizione”

Il Lecce chiude con le presentazioni di nuovi arrivati nel mercato invernale con quella di Christian Maggio, l’ultimo innesto della sessione di riparazione che ha da poco parlato in conferenza stampa.

A presentare il difensore è stato il direttore Pantaleo Corvino, che l’ha così introdotto: “Volevo chiudere delle voci prive di fondamento relative al mercato, dicendo che sia in entrata che in uscita non ci saranno altri movimenti. Pettinari? Non ho mai detto che è un calciatore fuori rosa, ma solo che non rientra nei nostri piani in ottica futura. Ribadisco che è un calciatore a disposizione dell’allenatore. Maggio è un giocatore vincente ed un grande uomo. Quando si è fatto male Adjapong ho pensato subito a lui, che per caratteristiche rispecchia ciò che il mister vuole dagli esterni. Sono orgoglioso di averlo convinto a scegliere Lecce tra le tante”.

Poi è toccato all’ex Benevento: Vengo qui con tanto entusiasmo a dispetto della mia età ed anzi ho gli stessi pensieri positivi sul lavoro di quando ero più giovane. Vengo in una società seria ed ambiziosa, ed a me piacciono le società ambiziose. Ci sono giovani, ma anche elementi di grande qualità. Vengo qui per raggiungere un obiettivo importante per noi e per i tifosi”.

L’obiettivo è tutto concentrato sul presente: “È stata una trattativa lampo, durata pochissimo. Non era facile perché c’erano tante situazioni in ballo, ma ci ho messo molto poco per portarla a termine prendendo la mia decisione con collaborazione del direttore, che mi ha convinto subito. Ho voluto svoltare la mia carriera e la mia vita, perché penso che arrivare a Lecce può aiutarmi a crescere anche come uomo, oltre che come calciatore. Vengo per questi quattro mesi con tantissima voglia di fare bene, poi decideremo con la società per il futuro ma serve restare concentrati sul presente. Ho tante motivazioni, per me è un esame che che sosterrò con voglia e passione“.

Su campionato in corso e giovani: “Ho seguito qualche gara del Lecce quest’anno perché ci gioca il mio amico ed ex compagno al Benevento Coda. Mi piace molto come gioca, ha avuto qualche piccolo problema ad inizio campionato e anche dopo, ma si è sempre ripreso. È stato importante aver girato lì, vicino alle prime, perché la Serie B è un campionato molto equilibrato in cui serve stare sul pezzo e si possono sfruttare i momenti buoni per raggiungere l’obiettivo. Non è semplice, ricordo ancora le difficoltà che incontrai due anni fa, quando arrivai in Benevento dopo tantissimi anni in A. Questa squadra ha tutte le carte in regola per arrivare in A, anche se non dobbiamo dimenticare che si tratta di un progetto triennale e che non bisogna sentire alcun obbligo. Mi piace lavorare con i giovani. Vengo da una carriera lunga, da piccolo i più grandi mi insultavano pur di tirare fuori il meglio da me stesso. Io ho scelto un’altra strada, mi sono sempre avvicinato ai più piccoli in un altro modo, cercando di far capire loro le rispettive qualità, dargli un appoggio nelle difficoltà. Qui a Lecce mi sono accorto subito dei tanti ragazzi che ci sono in rosa. Sono contento di poter dar loro una mano a crescere“.

(foto: Maggio e Corvino, ©UsLecce)