Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: l'esultanza al gol di Burnete
copyright: Coribello/SS

LECCE – La Primavera fila via che è una bellezza: basta un gol di Burnete a stendere il Verona

Fila via che è una bellezza il Lecce Primavera di Federico Coppitelli. Al Via del Mare basta una rete di Burnete per piegare il Verona, al termine di una gara, comunque, controllata dal primo all’ultimo minuto.

I giallorossi prendono subito in mano le redini del gioco, guidati da capitan Vulturar, e cominciano a snocciolare palle gol. La prima vera occasione porta i salentini in vantaggio: percussione di Munoz a destra, cross radente al centro deviato in porta, in spaccata, da Burnete ed è gol Lecce. Per il centravanti rumeno si tratta del sesto gol in campionato, quarto nelle ultime due partite, settimo in totale considerando anche la Coppa Italia. I ragazzi di Coppitelli continuano a macinare gioco e sfiorano il raddoppio al 37′ con un insidioso diagonale di Berisha, deviato con fatica da Boseggia, e al 38′, quando, una palla vagante da corner, a momenti non s’infilava nella porta veronese. Prima del riposo, altre due occasioni per il Lecce con un gran tiro di Salomaa, con palla che esce di mezzo metro dallo specchio della porta, e con un colpo di testa di Hasic da due passi, impreciso.

Nella ripresa il Verona scende in campo con fare più aggressivo e al 5′ è il Lecce a complicarsi la vita con un intervento impreciso di Pascalau manda al tiro Caia, palla deviata da un attento Borbei. Al 14′ ci prova D’Agostino da fuori ma trova ancora attento il portiere giallorosso che blocca in due tempi. Poco prima della mezzora, il Lecce rischia grosso: penetrazione in area dalla sinistra di Joselito, Borbei non è impeccabile, la palla gli sfugge e colpisce la traversa per poi oltrepassarla. Premono ancora gli ospiti e al minuto 38′ Cissè spara alto da ottima posizione: mancino che sorvola la porta di non più di un metro. Gli ultimi assalti scaligeri non danno esito: vince ancora il Lecce che sale a quota 30, al momentaneo secondo posto, in attesa delle altre partite.

Bella prova corale dei ragazzi di Coppitelli che avrebbero potuto chiudere il primo tempo con almeno due o tre gol di vantaggio, mentre nella ripresa si è alzato di più il Verona e i giallorossi non sono riusciti a capitalizzare le diverse occasioni di ripartenza avute. Esordio per McJannet. Per il Lecce, nona vittoria in campionato, quarta consecutiva, quinta nelle ultime sei. Venerdì prossimo il calendario della prima di ritorno prevede la trasferta di Napoli, ore 16.

IL TABELLINO

Lecce, stadio “Via del Mare”
sabato 4 febbraio 2023, ore 11
Primavera A 2022/23, giornata 17

LECCE-VERONA
RETI: 22′ Burnete

LECCE (4-3-3): Borbei – Munoz, Hasic, Pascalau, Dorgu – Samek, Vulturar, Berisha (78′ McJannet) – Corfitzen (66′ Kljun), Burnete (86′ Bruhn), Salomaa (86′ Russo). A disp. Moccia, Leone, Bruns, Mommo, Daka, Nikko, Minerva, Borgo, Hegland. All. Federico Coppitelli.

VERONA (3-5-2): Boseggia – Signorini (80′ Matyjewicz), Calabrese, El Wafi – Patanè (46′ Cissè), D’Agostino (70′ Verzini), Schirone (80′ Dias Patricio), Joselito, Bernardi – Cazzadori (68′ Bragantini), Caia. A disp. Marchetti, Toniolo, De Franceschi, Nitri, Furini, Diao, Nwanege. All. Paolo Sammarco.

ARBITRO: Grasso sez. Ariano Irpino.

NOTE: Ammoniti Pascalau (L), Calabrese, Verzini, Matyjewicz, Caia (V), Chevanton (all./2 L.), Sammarco (all. V). Rec. 0′ pt., 5′ st.