Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Roberto D'Aversa

LECCE – D’Aversa e l’esame Bologna: “Dovrà prevalere la nostra voglia di vincere”. I convocati

Domani il Lecce torna in campo e lo fa ospitando il Bologna al Via del Mare. A presentare la sfida come al solito il tecnico dei giallorossi Roberto D’Aversa.

Ecco come l’allenatore vede la gara di domani: “Gli episodi saranno determinanti. A livello psicologico siamo sempre stati pronti è chiaro che abbiamo commesso degli errori. Domani affrontiamo una formazione che è quinta in classifica che ha perso solo due volte. Per portare a casa un risultato positivo, serve evitare delle leggerezze che ci hanno impedito di trovare il successo in queste ultime giornate di campionato”.

L’avversario, il Bologna di Thiago Motta, è di quelli tosti: “Abbiamo analizzato come sempre i nostri avversari, durante la settimana abbiamo provate diverse soluzioni. Loro alternano la costruzione 4/1 o 3/2. Si muovo tanto e hanno qualità e pregi importanti ma abbiamo lavorato anche sui loro difetti. Dobbiamo essere bravi ad interpretare questa squadra e non perdere i riferimenti durante il loro palleggio. Ferguson? E’ un centrocampista al quale piace tanto inserirsi e dialoga tanto con Zirkzee. Noi dobbiamo fare in modo che gli episodi vengano in nostro vantaggio”.

Per i giallorossi sarà fondamentale l’atteggiamento: “Affrontiamo una squadra ben allenata e che in questo momento ha un grandissimo entusiasmo e ha avuto la qualità di far girare a suo favore gli episodi, come è capitato a noi ad inizio stagione. Il nostro atteggiamento è sempre stato positivo. Domani dobbiamo pensare solo di evidenziare alcune lacune del Bologna. La voglia e la determinazione di trovare il successo deve prevalere”. 

La squadra ha lavorato bene in settimana: “Anche durante la rifinitura ho tratto delle indicazioni importanti. E’ stata una settimana di allenamenti intensi. In campo poi si commettono degli errori, come avvenuto a Verona dove per 70 minuti abbiamo fatto la partita. Dal punto di vista dell’impegno ho poco da rimproverare a questi ragazzi che hanno una straordinaria mentalità”.

Riguardo la formazione c’è ovviamente ancora qualche dubbio: “Ci sono ancora delle incertezze. Ci sono degli accoppiamenti per caratteristiche. Oudin e Rafia sono giocatori simili per caratteristiche e quindi mi mettono sempre in difficoltà. Con i cinque cambi si possono considerare più soluzioni. Devo pensare anche a chi può entrare a gara in corso per spaccare la partita. Pontus non ha la gamba per partire dall’inizio”.

Di particolare interesse è la situazione legata a Nikola Krstovic: “Come tutti gli attaccanti, lavorano e vivono per il gol. Credo anche però che quando uno va in campo con il pensiero principale di far gol, è la volta buona che non lo fa. Deve giocare in modo sereno, tranquillo e determinato. Il calo può essere normale perché ha tante gare sulle spalle. Nel primo tempo però a Verona ho visto un buon Krstovic. Certo ho il vantaggio di poter dividere la gara con Piccoli che sta dando garanzie”.

Ecco i convocati per il match di domani:

PORTIERI: Brancolini, Samooja, Falcone

DIFENSORI: Baschirotto, Dorgu, Gallo, Gendrey, Pongracic, Venuti, Dermaku, Smahlovic

CENTROCAMPISTI: Berisha, Faticanti, Gonzalez, Oudin, Rafia, Blin, Ramadani

ATTACCANTI: Banda, Krstovic, Listkowski, Piccoli, Sansone, Strefezza, Almqvist