Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: A. Blin
copyright: Coribello/SalentoSport

LECCE – Blin, cuore di capitano: “La fiducia si conquista con il lavoro. Prontissimi per l’Empoli”

Capitano ed elemento indispensabili nella nuova era Gotti, Alexis Blin si è preso il Lecce. Ciononostante sono umiltà e voglia di combattere in campo le uniche cose a trasparire dalle parole pronunciate quest’oggi in conferenza stampa.

L’attenzione è tutta sull’Empoli: “Siamo pronti per affrontare nel migliore dei modi questo impegno. Dobbiamo però pensare noi e come fare la nostra partita, non dobbiamo pensare ai nostri avversari. Con il mister abbiamo pensato al nostro gioco. Sarà un appuntamento difficile, però pensiamo solo alla prestazione”.

Con il nuovo tecnico è tornata la titolarità: “La fiducia me la sono conquistata lavorando ogni giorno. Ci sono stati dei momenti difficili in cui ho giocato meno nel corso di questo torneo. Sono contento, dopo tanti mesi di lavoro, è arrivato il mio lavoro. Questo nuovo sistema di gioco mi permette di essere protagonista, mister Gotti mi sta dando fiducia e sono contento di questo, ma io devo lavorare per ringraziarlo per la sua fiducia”.

I gradi di capitano invece c’erano già: “Sono contento di avere la fascia al braccio, in questo spogliatoio non solo l’unico a parlare, sono tranquillo e non ho pressione, certamente mi da un po’ di fiducia in più. Ma siamo un gruppo importante”.

Sull’episodio controverso del terzo gol del Milan: “Quando abbiamo buttato fuori il pallone fuori, nel caso di Calabria, lo abbiamo fatto perché è nel nostro modo di fare calcio. Sul caso Almqvist loro credevano che si fosse rialzato. Non dobbiamo fossilizzarci sugli episodio, dobbiamo però rimanere lucidi e tranquilli nella testa”. 

Il modulo non è un problema: “Il mister ha le soluzioni e vede le cose fuori dal campo, noi dobbiamo rispettare quelle che sono le sue indicazioni. Con Ramadani mi trovo bene a giocare in questo ruolo, ci possiamo intercambiare in fase di pressione. Abbiamo fatto così anche a Milano, dove abbiamo sfiorato il gol con Gonzalez. Quello che conta però è l’atteggiamento che ci mettiamo nel corso delle partite e questo lo abbiamo ritrovato nel corso di queste ultime gare”.

In attacco ci saranno delle novità obbligate: “Non sarà l’assenza di Krstovic a cambiare il Lecce. Tutti siamo allo stesso livello e contro l’Empoli vogliamo fare una grande partita. Al di là dei primi undici saranno molto importanti anche i ragazzi che entreranno a gara in corso. Il livello degli allenamenti è molto alto nel corso di queste settimane e questo è molto importante”.

Infine, sulle palle inattive: “Ci lavoreremo questa mattina, tatticamente stiamo provando alcune cose, poi deciderà prima della partita come scenderemo in campo e chi lo farà”.