LA PIAZZA – Francesco: “Tifosi, tornate allo stadio!”, Sandra: “Che emozioni con l’Inter, rivoglio uno stadio colorato”

Oggi pubblichiamo due delle tante mail inviate in questi giorni dai nostri lettori. Sandra, entusiasta per la vittoria contro l’Inter, ci descrive le emozioni vissute ieri ed auspica di rivedere uno stadio colorato con tante mani che battono ed incitano la propria squadra. La mail di Francesco, invece, è un breve excursus sulla storia recente tra tifoseria e società. Un rapporto che, secondo il nostro lettore, è diventato un circolo vizioso di difficile risoluzione. Buona lettura!

***

MAIL DI SANDRA (ricevuta oggi, 30 gennaio) – Grandi emozioni giallorosse ieri al via del Mare. Ancora pochi i tifosi leccesi presenti, ma chi ha trascorso, anche sotto la pioggia, la domenica allo stadio ha sicuramente potuto vedere un LECCE COSMI-CO, come molti ora stanno scrivendo su Facebook. E’ difficile raccontare le emozioni perchè solitamente si vivono, punto e basta, ma è doveroso tentar di trasmettere un po’ di quello, che noi presenti, abbiamo provato.

Abbandonato lo scetticismo iniziale e dando via a quei cori di sostegno che dimostrano il nostro amore per il Lecce, ci siamo ritrovati abbracciati, sorridenti grazie ad una squadra che non si è risparmiata. Il bellissimo gol di Giacomazzi, l’immenso Benassi e tutta la squadra hanno riportato quell’entusiasmo e quella carica giusta per poter andare avanti perchè tutto è possibile se si mette impegno, professionalità e tanta tanta passione!!!

La stessa, e mi permetto di citarla, trasmessa da Diamoutene (a lui va l’augurio di buon compleanno!) che, chiamato a scaldare i muscoli, ha dato il meglio di sè sostenendo i suoi compagni, come ha sempre fatto, esultando come se avesse giocato la partita e magari realizzato il gol: migliore a bordo campo!

Credo sia questo che i tifosi vogliono vedere, vivere e sentire: UN CUORE CHE BATTE…che batte per questa maglia giallorosa e per tutti i leccesi che meritano di vivere questo tipo di emozioni! Mi aspetto però che tutti i tifosi giallorossi mettano in campo, insieme, la stessa energia… Voglio vedere uno stadio colorato, voglio sentire le voci, i cori e le mani battere..come il cuore!

GRANDE LECCE…GRAZIE LECCE

***

MAIL DI FRANCESCO (ricevuta sabato 28 gennaio) – Sento di dover fare alcune riflessioni sulla situazione attuale del Lecce, seppure con tanto dolore nel cuore. Prima di tutto c’è da considerare la situazione societaria (molto complessa) ed il difficile rapporto società-tifosi. Negli ultimi anni a Lecce il rapporto tra società e tifoseria si è profondamente deteriorato per delle situazioni che sono andate nel tempo, via via degenerando, senza che nessuna delle due parti abbia saputo “gestire” razionalmente la situazione. I tifosi contestano la politica societaria; le scelte unilaterali e non condivise; la progettualità, tanto declamata, mai però percepita di fatto; gli investimenti sbagliati e la politica “sparagnina“, che quest’anno ha raggiunto la sua espressione massima nel “default” societario e nell’autogestione.

Non ha avuto alcun senso logico, peraltro, nè effetto pratico, a mio avviso, la scelta delle dimissioni e la nomina ai vertici societari di gente “senza parola” e “senza portafoglio”. La società doveva invece continuare a gestire, se pure con il legittimo proposito di voler vendere. In verità alla proprietà attuale vanno riconosciuti grandi meriti per aver saputo tenere in tutti questi anni i conti in ordine e per aver saputo mantenere il Lecce, seppure con alti e bassi, ai massimi livelli del professionismo italiano, ma il suo limite”grossolano” è stato quello di non aver mai saputo creare emozioni nella tifoseria e di non essere mai stata capace di avviare un dialogo costruttivo con chi tifa Lecce,ovviamente nel rispetto dei ruoli. Da qui la presa di distanza iniziale tra le parti, che con l’arrivo di Angelozzi (grossolana provocazione portare il DS del Bari a Lecce) si è trasformata in contestazione, che via via ha assunto toni forse esagerati oltre ogni limite.

Adesso la misura è colma, le ragioni della tifoseria a questo punto non sono più condivisibili. Nessuno infatti ha il diritto di parlare di FEDE GIALLOROSSA e poi disertare vigliaccamente, ogni domenica, per anni, il Via del Mare, facendolo diventare terra di conquista per chiunque. Quest’anno a parte gli errori societari si è voluto esagerare troppo con i prestiti secchi, che a tutti hanno data la netta sensazione che questa fosse una scelta societaria in direzione della SMOBILITAZIONE. Altro errore è stato quello di mandare via la gente esperta del calibro di Munari, Chevanton e compagnia bella, per costruire un organico di gente valida tecnicamente ma alle prime armi.

Ad un gruppo di giovanottini di belle speranze andava affiancato un mister navigato e con i capelli bianchi, invece, si è continuato a sbagliare affidando il vapore ad un altro giovanottino di belle speranze, quale Di Francesco, decisamente impreparato a gestire un ruolo così difficile, in una piazza difficilissima quale è appunto, oggi, quella leccese. La tifoseria si è sentita offesa da tutte queste scelte societarie poco comprensibili, si è risentita per la cessione di Cheva “bandiera intramontabile della tifoseria Leccese” ed ha interpretato tutto questo come una ulteriore provocazione, quindi guerra aperta! A questo punto Semeraro si sente offeso dalle contestazioni che considera esagerate ed ingenerose; i tifosi si sentono ignorati dalla società ed offesi dalle scelte societarie, con la tragica conseguenza di un circolo vizioso che sarà molto difficile interrompere. Serse è l’uomo giusto, in grado di ridare un pò di fiducia all’ambiente, ma ancora bisogna agire sul mercato, servono un portiere, un difensore esterno ed un attaccante di categoria. Per salvarsi occorre soprattutto che il Via del Mare torni ad essere lo stadio del Lecce e non degli avversari, in poche parole ci vuole il tifo ed un pò di serenità nell’ambiente.

Forza Lecce

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

  • custodero-giovanni-fasano LECCE – Custodero e Vincze, tante emozioni ieri nel pre-gara contro l’Inter

    Prima della gara di ieri tra Lecce e Inter, la società giallorossa ha voluto ricordare lo sfortunato Giovanni Custodero, giovane portiere di calcio a 5 originario di Fasano, scomparso nei giorni scorsi per una grave malattia. I calciatori di Lecce e Inter sono scesi in campo per il riscaldamento indossando le maglie con su stampato…

  • LECCE – Liverani può finalmente sorridere: “Concesso poco ad una squadra straordinaria come l’Inter”. Conte sconsolato

    Dopo quattro ko consecutivi, finalmente può sorridere mister Fabio Liverani dopo il pari strappato dal suo Lecce all’Inter di Antonio Conte. Ecco l’analisi del tecnico giallorosso ai microfoni di Sky: “La squadra ha fatto un’ottima partita, abbiamo subito ciò che c’era da subire e abbiamo creato problemi ad una formazione che, di solito, concede molto…

  • LECCE – Petriccione è uno spettacolo, difesa versione muraglia: le pagelle del pari strappato all’Inter

    LE PAGELLE DI LECCE-INTER Gabriel voto 7: super doppio intervento su Brozovic  nella prima frazione, bene su Sensi nella ripresa. Per tutti i novanta minuti dimostra grande sicurezza su tutti i cross che transitano dalle sue parti. Rispoli voto 6,5: rispolverato dopo diverso tempo, sfodera una prestazione di grande solidità limitando Biraghi. Ad inizio ripresa…

  • LA CRONACA – Impresa Lecce, fermata la corazzata Inter! Anche Conte costretto al pari

    Un Lecce riscopertosi compatto e in grado di fare una gara ordinata di contenimento costringe all’1-1 l’Inter. Prestazione tutta cuore dei ragazzi di Liverani, che soffrono i nerazzurri solo all’inizio per poi limitarli a poche palle gol sommate, e raggiungerli con Mancosu dopo lo svantaggio. La classifica torna a muoversi e i salentini respingono l’attacco…

  • lecce-inter-190120-ss LIVE! LECCE-INTER, il tabellino

    LIVE! LECCE-INTER, il tabellino Lecce, stadio “Via del Mare” domenica 19 gennaio 2020, ore 15 Serie A 2019/20 – giornata 20 LECCE-INTER 1-1 RETI: 71′ Bastoni (I), 77′ Mancosu (L) — FINALE — LECCE (5-3-2): Gabriel – Rispoli (76′ Falco), Lucioni, Rossettini, Dell’Orco, Donati – Mancosu (83′ Meccariello), Petriccione, Deiola – Lapadula (62′ Majer), Babacar. A…