Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

copyright: Coribello/SalentoSport

LA CRONACA – Troppa Inter, troppo poco Lecce: al Via del Mare è poker nerazzurro

Il Lecce non solo non si rialza, ma esce con le ossa rotte dal match con l’Inter capace di espugnare agevolmente il Via del Mare 0-4. I giallorossi provano a stare in partita, mancando però in ogni pallone favorendo la cavalcata ospite. La distanza dalla zona retrocessione resta di quattro punti, ora però arriva la fase del campionato in cui non si può più sbagliare.

D’Aversa sorprende ancora nel suo 4-3-3 proponendo nuovamente dall’inizio Blin, Rafia e Piccoli, oltre all’inserimento forzato di Touba e Gallo in luogo degli squalificati Pongracic e Dorgu. Turnover per Inzaghi, che sceglie nel 3-5-2 di dare spazio ad Audero, Bissech, Carlos Augusto, Asllani e Sanchez, quest’ultimo partner offensivo di Lautaro. Ritmi alti sin dalle prime battute e squadre alla ricerca del gol. Il primo tentativo porta la firma di Almqvist, che di piattone destro alza sopra la traversa un palla rimasta lì dopo. Mentre il Lecce abbozza timidi tentativi di fare la partita, l’Inter colpisce. E’ il quarto d’ora ed Asllani imbuca per Lautaro che elude la marcatura di Touba e di slancio batte Falcone. Reazione giallorossa dopo quattro minuti nel mancino al volo di Sansone, che dopo un rimpallo termina tra le braccia di Audero. Al 22′ pericoloso Mkhitaryan, mancino al volo e palla larga di poco. Dieci minuti ed Almqvist offre un buon pallone a Gallo, la cui conclusione è affrettata ed alta sopra la traversa. Al 35′ corner battuto dalla sinistra per l’accorrente Blin che da posizione defilata manda sul fondo. Poco prima dell’intervallo Asllani da fuori chiama Falcone alla presa sicura, mentre in pieno recupero è Sansone ancora di mancino a calciare alto da buona posizione.

La ripresa si apre con un’occasionissima per il Lecce dopo appena un minuto di gioco. Dalla sinistra il cross di Gallo è perfetto per la testa di Blin, che di testa manda alto di poco. Al 49′ è però Dimarco ad impensierire Falcone con un mancino al volo respinto bene dal portiere. Al cinquantaquattresimo il gol che taglia le gambe ai giallorossi: Sanchez dalla destra mette in mezzo per Frattesi che da due passi deve solo appoggiare in porta. Passano due minuti e l’Inter cala il tris con Lautaro, che deve solo appoggiare in porta l’assist facile di Frattesi. Il Lecce non c’è più e va a folate, come al 64′ quando Piccoli dalla distanza manda al lato di poco. Ancor più vicino alla gioia Banda due minuti più tardi, diagonale mancino da buona posizione e palla sul fondo di un nulla. Dalla cintola in giù però i giallorossi sono fuori da tempo e alla successiva opportunità fa centro ancora l’Inter con De Vrij, che di testa stacca indisturbato su corner. Al 71′ la prima parata di Audero, facile facile per bloccare a terra il tentativo al volo di Piccoli. Otto giri di lancette ed in diagonale Arnautovic chiama alla respinta di piede Falcone che si fa trovare pronto. E’ 0-4 conclusivo.

Nel prossimo turno il Lecce sarà ospite del Frosinone, domenica alle 15.

IL TABELLINO

RISULTATI E CLASSIFICA