Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LA CRONACA – Stepinski segna, Gabriel para un rigore: Lecce grigio ma solido e Reggina ko

Uno dei Lecce meno pimpanti dell’anno si scopre finalmente cinico, e batte la Reggina al Granillo per 0-1. I giallorossi partono benino, ma dopo il vantaggio soffrono parecchio complici arbitraggio e panchina corta. Arrivano tre punti fondamentali per una classifica che dice quinto posto.

Poche opzioni causa assenze per Corini, che per il 4-3-1-2 manda in campo Zuta sulla sinistra e Bjorkengren in mediana, preferendolo a Listkowski. Baroni risponde con un 4-2-3-1 a trazione offensiva, abbassando Folorunsho in mediana. Inizio di match all’insegna dell’equilibrio, dunque povero di emozioni. La Reggina appare più spigliata, ma la prima conclusione è del Lecce e porta la firma di Tachtsidis che, all’undicesimo, manda fuori di poco dal limite. Più insidioso Stepinski (nella foto SalentoSport/Coribello) al minuto 17, quando riceve un bel pallone da Coda ma calcia alto. A quel punto sono gli amaranto ad avanzare il proprio raggio d’azione, cercando prima la conclusione da fuori con Di Chiara, para Gabriel al 25′, e poi un minuto dopo con Del Prato, tiro a giro nettamente alto. Al 29′ un cinico Lecce trova il vantaggio: azione insistita sulla destra, cross forte e basso di Adjapong e tacco di Stepinski che, complice la deviazione di Rivas, batte Nicolas sul primo palo. Reazione calabrese in contropiede al 32′ con Rivas, su cui è decisivo Gabriel con la collaborazione di Dermaku, che si fa male nell’occasione ed è costretto a chiamare il cambio. Cinque minuti e Coda va, con un mancino forte al termine di uno spunto personale, a pochi centimetri dal raddoppio. Minuto quarantuno, schema da corner imbastito da Mancosu e siluro di Adjapong alto di non molto. Al 43′ si fa vedere il neo entrato Menez, con un destro che Gabriel controlla agevolmente nell’ultima emozione del primo tempo.

Inizio da incubo nella ripresa per il Lecce, che al 51′ subisce il fischio di un rigore assurdo per un inesistente fallo di mano di Lucioni. Dal penalty rimette le cose apposto Gabriel, che blocca il tiro di Menez. I giallorossi non si scuotono e al 65′ Denis di testa sfiora il gol, ma il suo colpo di testa è salvato sulla linea da Meccariello. Al 67′ il Lecce resta anche in dieci a causa del doppio giallo comminato a Coda. Minuto settantatré e primo tentativo della ripresa giallorossa con una giocata estemporanea volante di Mancosu: palla nettamente al lato. All’81’ occasionissima per il pareggio calabrese con Liotti, che di destro calcia sull’esterno della rete da ottima posizione. Due minuti e Micovschi calcia forte un pallone che, deviato dalla difesa, per poco non beffa Gabriel. Dal corner seguente Cionek, solissimo, di testa manda al lato. L’assedio finale non produce pericoli per Gabriel, ed il Lecce porta a casa la vittoria per 0-1.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà l’Empoli nel match in programma domenica 24 alle 15.

IL TABELLINO

RISULTATI E CLASSIFICA