Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: archivio
copyright: Coribello/SalentoSport

LA CRONACA – Lecce leggero, sfortunato e punito oltremodo. A San Siro è tris Milan

Non riesce il tre su tre al Lecce targato Gotti, battuto con un netto 3-0 dal Milan. Giallorossi subito sotto ma in partita, almeno mentalmente, fino alla fine nonostante gli episodi abbiano sorriso per intero alla squadra avversaria. In attesa di conoscere i risultati delle dirette concorrenti, la classifica salentina dice ancora tredicesimo posto a quota 29.

Gotti cambia ancora e stavolta sceglie il 4-2-3-1 inserendo dal primo minuto Venuti terzino, Gonzalez trequartista e Banda ala mancina. Per Pioli stesso modulo e scelte ricadute praticamente sulla miglior formazione possibile con turnover a zero. Il Lecce parte bene e dopo tre minuti occasionissima giallorossa sul mancino di Gonzalez, che calcia di prima dal limite mancando per poco il palo lontano. Al contrario dei giallorossi, il Milan fa centro alla prima opportunità. Minuto sei, da Chukwueze a Pulisic, mancino a giro e Falcone è battuto. L’estremo salentino si rifà due giri di lancette dopo andando a negare allo statunitense l’immediata doppietta, opponendosi al suo colpo di testa. Imprendibile Chukwueze all’undicesimo: il nigeriano tocca per Leao, tiro smorzato da Venuti e palla sull’esterno della rete. Il terzino toscano ci prova poi da fuori sul ribaltamento di fronte, ma il suo destro è troppo centrale e parato da Maignan. Al 21′ il Milan va ancora a segno con il colpo di testa di Giroud che, libero di deviare, non deve neppure staccare per battere di testa Falcone. Timida risposta leccese in un tentativo masticato di rovesciata dritto tra le braccia di Maignan. Lecce sfortunato al 29′: cross di Ramadani perfetto per la testa di Gonzalez, stacco e traversa piena a Maignan battuto. Al quarantaduesimo si vede anche Krstovic, che si gira bene al limite ed impegna ancora l’estremo rossonero in presa a terra. La partita del montenegrino finisce poi con un tempo a causa di un piede troppo alto che, impattando Chukwueze, induce Massimi ad estrarre il rosso diretto.

La ripresa si apre così a ritmi comprensibilmente molto più bassi. E non succede nulla fino al 59′, quando il Milan fa 3-0 in ripartenza con Leao che buca Falcone in rasoterra dopo che l’arbitro non aveva interrotto il gioco per un colpo alla testa subito da Almqvist. Lo stesso svedese impegna Maignan di testa subito dopo la ripresa del gioco, provandoci da posizione defilata. Più pericoloso Giroud al 63′, diagonale da buona posizione e palla sull’esterno della rete. Nell’azione seguente siluro da fuori di Theo Hernandez ed incrocio pieno. Ancora Almqvist al 71′; servito da Piccoli in contropiede lo svedese costringe Maignan ad un altro intervento non semplicissimo. Anche Falcone si fa trovare attento dieci minuti dopo per opporsi al diagonale di Jovic, mentre subito dopo Leao coglie la parte esterna del palo. Minuto 88 ed arriva la prima conclusione in maglia Lecce firmata Santiago Pierotti, che con un siluro dalla distanza chiama Maignan alla deviazione in corner. Dall’angolo seguente ancora l’argentino di testa e palla nettamente alta. E’ 3-0 conclusivo.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà l’Empoli, sabato 13 alle ore 15.

IL TABELLINO

RISULTATI E CLASSIFICA