LA CRONACA – Solo la sfortuna ferma il Lecce. Pali, un rosso e la Cremonese esulta con due tiri in porta

Giallorossi traditi da Vigorito, che sbaglia e lascia i suoi in dieci per settanta minuti. Nonostante un lungo dominio, gli episodi premiano poi i lombardi

Foto: Mauro Vigorito

Una dose clamorosa di sfortuna e un errore decisivo di un uomo cardine come Vigorito stoppano il Lecce, che dopo cinque risultati utili di fila cade in casa della Cremonese, vittoriosa per 2-0. I giallorossi, in dieci dal 25′ causa scivolone del portiere, dominano venendo fermati solo dai pali e da un super Agazzi, incappando di contro con Marino in un grave errore in copertura che spiana la strada al match-winner Strizzolo. I salentini restano così secondi -3 dal Brescia, con il Palermo che cercherà di riavvicinarsi nel posticipo di domani con il Verona.

Lecce schierato da Liverani con rientranti dall’inizio Meccariello e Tachtsidis; in avanti è a sorpresa in panchina Falco, con Palombi che torna invece titolare a due mesi e mezzo dall’ultima volta. E’ 3-5-2 per Rastelli, che punta sulla compattezza difensiva per la sua Cremonese. L’inizio di match è come preventivabile più ostico del solito per i giallorossi, costretti ad avere a che fare con una squadra solida e che ci mette gran vigore e un baricentro molto basso per negare a Mancosu e compagni il gioco veloce palla a terra. Sono comunque gli ospiti a fare il match, collezionando cross e corner che si fanno via via più insidiosi per la difesa grigiorossa. Fino ad arrivare alla prima palla gol al ventesimo, quando il Lecce va a millimetri dal vantaggio: gran cross di Calderoni per il colpo di testa di La Mantia che, deviato da Terranova, colpisce l’incrocio dei pali e si spegne sul fondo. Due minuti dopo si cambia fascia e Venuti serve Tabanelli, il cui destro al volo è respinto dalla difesa lombarda. La sfortuna si accanisce con i salentini al minuto quando Vigorito, per anticipare Strizzolo, esce dall’area scivolando al momento del rinvio e trovandosi costretto, di conseguenza, ad abbattere la punta locale: cartellino rosso. Nonostante l’inferiorità i giallorossi continuano ad attaccare, e al 33′ solo una prodezza di Agazzi nega il gol a Meccariello, che era stato bravo a stoppare di petto il corner di Petriccione e calciare di destro al volo. Due minuti dopo girata volante di La Mantia e palla fuori di non molto. Solo a trenta secondi dal novantesimo il primo, totalmente velleitario, tentativo della Cremonese, con una punizione di Castrovilli fuori abbondantemente. Il primo tempo si chiude poco dopo, con il Lecce ancora proiettato in avanti a dimostrazione del grande carattere del collettivo di Liverani.

Nella ripresa il dominio giallorosso continua incontrastato. Al 48′ Petriccione da punizione imbecca Lucioni che sfiora la traversa da ottima posizione. L’azione si ripete al cinquantesimo: stavolta lo stacco di Meccariello su traversone della mezzala è imperioso, e solo il palo nega, clamorosamente, la gioia al centrale. Al minuto sessantuno Calderoni è costretto ad alzare bandiera banca a causa di un infortunio: al suo posto Marino. In un pomeriggio fatto di sfortunate sliding doors per il Lecce, al 67′ il neo entrato difensore giallorosso è protagonista in negativo nel gol grigiorosso, arrivato al primo tiro in porta del match della Cremonese. Castrovilli si accentra e calcia in porta, Bleve respinge (non in maniera impeccabile) e sulla ribattuta si avventa Strizzolo che, dimenticato proprio da Marino, appoggia agevolmente in porta di piatto. Il Lecce prova a reagire tornando a schiacciare l’avversaria, che stavolta rinfrancata dal vantaggio appare meno in difficoltà in fase di contenimento rispetto alla prima ora di gioco. Al 74′ Claiton di tacco prova a sorprendere ancora Bleve su azione di corner, colpendo solo l’esterno della rete. Secondo tiro e in porta e secondo gol lombardo cinque minuti dopo: Piccolo si invola sulla destra, palla bassa in mezzo e sul secondo palo ancora Strizzolo è libero di appoggiare in rete la più facile delle doppiette.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà il Carpi con calcio d’inizio sabato alle 15.

IL TABELLINO

RISULTATI E CLASSIFICA

Tropical Store

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati