LA CRONACA – La perla di Mancosu abbatte il muro del Cosenza. Il Lecce ora mette le ali

Ancora una volta un bolide della mezzala giallorossa regala a Liverani tre punti meritati ma sudatissimi. Monopoli a -4, Catania a -7

In una gara che, come da pronostici, si rivela tirata ed equilibrata contro un avversario alla ricerca del riscatto, il Lecce torna al successo casalingo, superando 1-0 il Cosenza grazie a una prodezza di Mancosu, già risolutore della trasferta con il Matera nel turno precedente. La squadra di Liverani è meno brillante del solito, complice l’ottima impostazione difensiva dei calabresi, ma legittima il risultato con un netto predominio territoriale e grazie a un maggior numero di occasioni da rete create. Tre punti pesantissimi per i salentini, che tornano a vincere in casa, volano a otto risultati utili consecutivi e soprattutto mantengono quattro punti dietro il Monopoli, portandosi per di più a +7 dal Catania.

Nei frangenti iniziali del primo tempo la gara si presenta come equilibrata, con il Lecce maggiormente dedito al possesso palla e il Cosenza all’attendismo in ricerca di un’occasione buona per ripartire in contropiede. Al sesto nasce proprio da una ripartenza ospite la prima palla gol con Mendicino, il cui diagonale è parato da Perucchini sebbene la palla avesse comunque già varcato la linea di fondo. All’undicesimo bella combinazione Caturano-Armellino, il tiro al volo dell’ex Matera impatta il braccio di Dermaku in area ma l’arbitro giudica involontario e non assegna il penalty. Anche il tiro mancino di Lepore, giunto al quarto d’ora, trova la deviazione di un difensore, risultando ben più pericoloso per Saracco che è costretto a distendersi per evitare che il pallone si insacchi nell’angolino basso. Al 21′ colossale palla gol per il Cosenza: Marino consegna palla agli avversari che si lanciano in porta con Mungo, il quale trova sulla sua strada un monumentale Perucchini a opporsi al potente diagonale di sinistro. Un minuto dopo stessa sorte per il tiro dalla distanza di Calamai; per il portierone bergamasco bloccare è un gioco da ragazzi. In questa fase i rossoblù prendono coraggio e aggrediscono un Lecce che fatica a produrre il suo solito gioco. Al 28′ Mungo riceve al limite dell’area e trova un destro a giro totalmente sbilenco che non si avvicina alla porta difesa da Perucchini. Reazione giallorossa al trentacinquesimo: la punizione di Pacilli giunge sul destro di Armellino, che calcia al volo sfiorando il palo per pochi centimetri. Al 41′ tiro di Pacilli che, deviato da Loviso, va poco alla destra del palo della porta difesa da Saracco. Sul corner seguente ottima opportunità sul destro di Cosenza, che controlla affannosamente un pallone vagante e al volo non trova la porta di un paio di metri. Al 45′ conclusione volante di Torromino, anche questa deviata dal muro difensivo cosentino e finita in angolo. Si conclude due minuti dopo una prima frazione tiratissima.

Nella ripresa il Lecce prova ad accelerare, ma il Cosenza si difende in maniera aggressiva e compatta. Al sessantesimo punizione dal limite per i locali, Lepore calcia forte ma non trova la porta: palla alta di poco. Quattro giri di lancette dopo occasione Cosenza da azione d’angolo, in cui Dermaku impatta ma non abbastanza da indirizzare la palla nell’angolino. Al 65′ Lepore ci prova direttamente da corner, trovando la respinta all’altezza dell’incrocio dei pali di Saracco. Un minuto dopo giallorossi a un soffio dal vantaggio con il neo entrato Di Piazza, che si invola servito da Ciancio lasciando partire un destro che lambisce l’incrocio dei pali. AL 74′ Lecce in vantaggio: l’azione corale dell’undici di Liverani libera al tiro Mancosu, che ripete la perla di Matera con un siluro sul palo lontano imparabile per Saracco. Ancora padroni di casa vicini al gol da fuori tre minuti più tardi; stavolta è Lepore a cercare il jolly dalla distanza, con un destro al volo alto di mezzo metro. Il Cosenza abbozza una reazione ma rischia di farsi male da solo a quattro minuti dal novantesimo, quando D’Orazio, nel tentativo di anticipare Di Piazza, si lancia sul cross di Caturano e per poco non mette la palla alle spalle del proprio portiere; solo angolo per il Lecce. Al 93′ Costa Ferreira spreca una buona opportunità per chiudere la partita che finisce con la pesantissima vittoria, di misura, dei giallorossi.

Nel prossimo turno Lecce in campo il prossimo sabato sera, alle 20.30, sul campo della Fidelis Andria.

IL TABELLINO DI LECCE-COSENZA

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati