LA CRONACA – Lecce, bentornato a casA! Spezia battuto, i giallorossi sono in Serie A

Petriccione e La Mantia fanno esplodere un "Via del Mare" con un pubblico da Europa. Un po' di sofferenza nel finale, poi impazza la meritatissima festa

Foto: La festa giallorossa al raddoppio di La Mantia (©SalentoSport/M. Caputo)

Era solo un sogno, ora è diventata realtà: il Lecce torna in Serie A dopo sette anni. I giallorossi superano per 2-1 lo Spezia nell’ultimo turno del campionato di Serie B e conquistano la promozione diretta. Una gara, l’ennesima di questa stagione, ancora una volta ben affrontata nonostante un avversario tutt’altro che lascivo. Una gara che ha visto trionfare la squadra che meglio di tutte ha giocato in questa stagione nella cadetteria, premiata giustamente con il doppio salto in due anni. È ritorno nel calcio che conta!

Nessuna sorpresa nella formazione del Lecce, schierato da Liverani con il classico 4-3-1-2. Calderoni torna titolare, mentre in mediana Majer è preferito a Tabanelli. Marino opta invece per un 4-3-3 con Gyasi e Da Cruz a sostegno di Galabinov. Lo Spezia parte aggressivo e prova da subito a impensierire i giallorossi, che si difendono con ordine. E Mancosu e compagni ci mettono pochissimo ad entrare in partita, facendosi vedere per la prima volta dalle parti di Lamanna al sesto con un colpo di testa di Meccariello sugli sviluppi di un corner fuori di poco. Alla seconda opportunità il Lecce passa. È il nono minuto, Venuti serve Falco in profondità e il passaggio rasoterra arretrato dell’attaccante trova il perfetto inserimento di Petriccione, che apre il piattone destro e trova il gol sul palo lontano. Due minuti e ancora la mezzala di Liverani al tiro, stavolta centrale e bloccato agevolmente da Lamanna. Lo Spezia dimostra di non aver accusato il colpo e reagisce. Al 18′ piattone al volo di Da Cruz sugli sviluppi di un corner: palla fuori di un metro circa. L’orologio gira due volte e Ricci cerca l’angolino dalla distanza, trovando l’ottima deviazione di Vigorito in angolo. L’estremo locale si supera al ventiduesimo, quando va a deviare sulla traversa il destro da distanza ravvicinata di Gyasi, con Venuti abile ad allontanare in rovesciata all’altezza della linea di porta. Scampato il pericolo, il Lecce si ributta in avanti e torna detentore del possesso palla. Al 25′ bella azione corale dei salentini, sponda centrale di La Mantia per il siluro di Majer, al lato di poco. Sulla destra Falco è incontenibile, e l’ennesima grande giocata del pulsanese porta al raddoppio giallorosso al ventisettesimo: l’ex Benevento arriva sul fondo, fa partire un cross vellutato sul secondo palo e trova appostato sul secondo palo La Mantia, che anticipa Vignali e di testa infila il raddoppio. Stavolta lo Spezia è più in difficoltà nell’abbozzare una reazione, e solo al 40′ ci prova con una velleitaria conclusione di Da Cruz larga di parecchio. Nel minuto di recupero contropiede imbastito da Falco che serve La Mantia, il cui diagonale a due passi da Lamanna è però fuori misura. Si va negli spogliatoi con il Lecce avanti 2-0.

Secondo tempo che prende il via subito con un numero di Falco dopo trenta secondi, che porta il mancino giallorosso a concludere col piede forte ma da posizione defilata, trovando la facile parata di Lamanna. Al 59′ Tachtsidis ruba palla sulla trequarti e lancia Falco che appoggia dietro per l’accorrente Majer, il cui gran destro al volo trova la respinta a pugni chiusi del portiere ligure. Alleggerimeno spezzino tre minuti dopo con protagonista Gyasi, autore di un destro diagonale da buona posizione ma nettamente al lato. Più insidioso Da Cruz al 67′, quando il destro dal limite dell’ex Parma va sul fondo di non molto alla sinistra di Vigorito. Al 73′ si ripropone l’asse Falco-La Mantia, cross del primo per il colpo di testa del secondo deviato in corner da Augello. All’83’ lo Spezia la riapre con Capradossi, che di testa infila sul secondo secondo palo il corner di Ricci. Nel finale sofferenza solo sulla carta, perché il Lecce controlla alla grande e porta a casa il risultato. È Serie A!

IL TABELLINO

RISULTATI, CLASSIFICA E VERDETTI

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati