IL CORSIVO – Un tempo per uno, ma il Lecce non è il Milan e non è da A

Il Milan regala al Lecce il primo tempo, il Lecce ricambia il favore infiocchettandogli i secondi quarantacinque minuti. Ma la differenza tra le due squadre purtroppo si vede.

È questa la chiave di una partita dal risultato storico e amarissimo per un Lecce che, dopo esser andato al riposo, con tre gol di vantaggio si è lasciato sfuggire tre punti importantissimi per morale e classifica, lasciando il campo a una squadra profondamente rivitalizzata dagli ingressi di Aquilani e soprattutto Boateng, protagonista assoluto del match.

Si parte con il doveroso minuto di raccoglimento in memoria della tragica quanto prematura scomparsa dell’asso della Moto Gp, Marco Simoncelli. “Muore giovane chi è caro agli dei”, scriveva Menandro, e, come negli altri campi, il pubblico sugli spalti ricorda il campione con sempre troppo poco silenzio e sempre troppo scroscianti applausi.

Milan totalmente assente nella prima frazione di gioco, con assetto e approccio peggiore anche di quel Bologna che poco più di un mese fa ha permesso al Lecce di portare a casa l’unica vittoria stagionale. E così il Lecce, pur con la disarmante pochezza tecnica dei suoi uomini, dilaga facilmente con i gol di Giacomazzi, Oddo e Grossmuller complice una difesa molle e una squadra che ha preso sottogamba l’avversario. La regola del lunch match sembra colpire ancora, con un’altra vittoria prestigiosa dopo il trionfo ottenuto l’anno scorso contro una spenta Juventus.

Tre a zero dunque: un parziale incredibile e al tempo stesso poco credibile, considerata la tenuta dimostrata del Lecce nell’arco dei novanta minuti nelle prime sette giornate del campionato.

E infatti la scossa rossonera arriva con il “vento catabatico” (firmato Carlo Pellegatti) portato da Kevin Prince Boateng, entrato al posto dell’invisibile Robinho e autore di una tripletta in dodici minuti grazie a tre saette infilzate alle spalle di Benassi, degno erede di Benussi. Il Lecce, imbarazzante e insufficiente, cade in balia di un Diavolo ad altissima intensità rimanendo schiacciato nella propria metà campo per tutta la ripresa e affidando le ripartenze a palloni lunghi “come il codice Iban” (firmato sempre Carlo Pellegatti). Roba da manuale del perfetto dilettante.

Lo spettro del 22 aprile 2001 (Lecce-Milan 3-3) ritorna dunque ancora più violento e letale, materializzandosi con il gol di un altro difensore. Allora fu Kaladze, oggi è Yepes a lasciare il Via del Mare ammutolito in un tracollo dalle ricadute pesanti soprattutto sul rapporto tra squadra e tifoseria, una relazione mai completamente sbocciata e comprensibilmente strozzata da partite come queste.

Continua così la tradizione che vede il Lecce parente povero della serie A e ogni sua squadra avversaria, al Via del Mare o altrove, scendere in campo sempre con un’arma in più”

Insomma Yepes, they can. They, loro, gli altri. Il Lecce mai.

Non possiamo che comprendere lo sconforto di Di Francesco a fine partita e, seppur ci sia stata qualche scelta sbagliata negli uomini mandati in campo, non ci sembrano possibili altre soluzioni tattiche in grado di tenere insieme questa raffazzonata armata Brancaleone. Neanche quella promossa da Russ Cargill nel film dei Simpson:

E per evitare altre fughe voglio degli squadroni della morte che pattuglino il perimetro a tutte le ore, 10.000 uomini tosti e 10.000 pappemosce, per far sembrare gli uomini tosti ancora più tosti. Ecco come li voglio disposti: tosto, tosto, pappamoscia, tosto, pappamoscia, pappamoscia, tosto, tosto, pappamoscia, pappamoscia, tosto, pappamoscia…

Da salvare

Le folate di Cuadrado e le idee di Di Francesco
L’ottimo arbitraggio del giovane Peruzzo e la suspense sul secondo cartellino giallo di Corvia

Da buttare

I primi dieci minuti del secondo tempo
Corvia e la fiducia riposta nel numero 9 giallorosso: uno da schierare solo quando c’è da difendere un 2-0

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

  • lecce-2012-2019 IL CORSIVO – Lecce, un risveglio da circoletto rosso dopo sette anni di Via Crucis

    Duemilacinquecentocinquantaquattro giorni (2.554/00). Oppure 365 settimane. Oppure 84 mesi. Oppure, semplicemente, sette anni. Sono quelli trascorsi dall’amara notte di Verona – in cui il Lecce di Cosmi diede l’anima ma non riuscì a strappare la permanenza in massima serie – sino al pomeriggio di ieri, quando, in massima serie, i giallorossi ci sono tornati con tutti…

  • LECCE – Va via l’anno perfetto: cento di questi 2018!

    Si apre con un pareggio per 1-1, si chiude con un pareggio per 1-1. Ma, con una sostanziale differenza: quella di categoria. Il 2018 del Lecce è stato, a dir poco, perfetto. Dal pari interno col Catania, 21 gennaio, al pari di ieri sera contro lo Spezia, i giallorossi hanno infilato (coppe escluse) ben 59…

  • otto IL CORSIVO – Otto anni al servizio dei nostri lettori: auguri SalentoSport!

    Siamo arrivati a soffiare sull’ottava candelina della nostra storia. Otto anni fa come oggi, in quella tarda mattinata di quel lunedì 23 agosto 2010, proprio alle 12.30 come ora, tra mille difficoltà, mille incognite e tanta voglia di partire ufficialmente, veniva pubblicato il primo articolo sul nostro giornale on line. Il resoconto dell’amichevole tra Lecce…

  • auguri-anno-nuovo-2018-salentosport-rcomposto BUON 2018!

    Per una volta facciamo anche noi i banali, citando uno dei pezzi più famosi di Lucio Dalla, “L’anno che verrà”. Caro amico lettore, ti scriviamo alla fine di un anno faticoso, il settimo dalla nostra fondazione. Un anno, quello che a breve andrà via, che ci ha regalato tante soddisfazioni sul piano della crescita, della…

  • lega-pro-playoff-sorteggi IL CORSIVO – Playoff Lega Pro, un regolamento discutibile e tutto da rivedere

    Tre squadre del girone B e una del girone A. Assenza, pesante, di qualsiasi rappresentante del girone C, quello – a detta di tutti gli osservatori – più duro e difficile da giocarsi. Questo è il dato che emerge dal quadro designato per le semifinali playoff Lega Pro. Una sola ne uscirà vincitrice al termine di…