IL CORSIVO – Lecce: ma non sarebbe ora di cambiare rigorista?

Complice un autogol del cesenate Pellegrino ed un’altra mezza magia di Ibrahimovic, il Lecce esce fuori dalla morsa delle ultime tre in classifica e per la prima volta negli ultimi tempi si attesta in quartultima posizione. Finisse il campionato oggi, sarebbe salvo. Sono ben cinque i punti recuperati al Cesena, nel giro di tre partite. Eppure, a leggere il calendario, molti erano sicuri che contro Lazio, Milan e Fiorentina, al massimo si sarebbe raccolto un punticino. Merito alla squadra e merito all’allenatore, che, con giusti correttivi, sottolineati anche dal presidente Semeraro, ha saputo trovare un assetto più solido e cambiare mentalità di gioco, attendendo, ben raccolta, le folate dell’avversario, per poi rilanciarsi e capovolgere l’azione con veloci cambi di versante.

SCOSSA DERBY – Il derby perso nel giorno dell’Epifania, paradossalmente, ha fatto bene ai giallorossi, che sono andati a vincere all’Olimpico contro la Lazio, prima di bloccare il Milan in casa e di mettere i brividi a Gilardino e compagni, ieri pomeriggio. Se andiamo ad analizzare i punti raccolti nelle ultime tre gare, il Lecce, con i cinque punti (che potevano anche essere sette) racimolati, ha inflitto cinque lunghezze di distacco al Bari (0 punti nelle ultime partite), quattro al Catania, tre al Brescia, due a Chievo e Parma. Numeri che suonano bene come un sinfonia di Vivaldi.

UNDICI MALEDETTI METRI – Non c’è dubbio che i problemi in casa giallorossa, restino. Innanzitutto il rigorista: Di Michele a Firenze ha sbagliato il terzo rigore stagionale, dopo quelli sprecati contro il Brescia in casa e l’Udinese fuori. Un errore ci può stare, al secondo scatta il campanello d’allarme, ma tre penalties sprecati in poco più di un girone, sono davvero tanti, troppi. Di Michele è fondamentale per il campionato del Lecce. Lo si vede dall’impegno che ci mette ogni domenica e dall’attaccamento ai colori giallorossi, ma, con tutta la stima per l’attaccante di Guidonia, occorre un altro rigorista. Non crediamo manchino piedi buoni dal dischetto: lo stesso Jeda, a Cagliari, dava del tu al circoletto posto agli undici metri (anche se quello realizzato al Parma, ha messo i brividi al Via del Mare…). Ma anche Vives, o Fabiano o Corvia o Olivera, potrebbero ben cimentarsi dal dischetto.

DIFESA COLABRODO – L’altra nota stonata, sono i tanti gol subiti. Sono trentotto totali, peggior difesa del campionato. E Rosati prende gol da quindici gare consecutive. Si attende il recupero completo di Stefano Ferrario, ma risulta evidente quanto il Lecce abbia bisogno di un buon elemento da inserire nel reparto arretrato.

CAOS ATTACCO – Rebus attacco: Bergougnux sta per lasciare il Salento. Corvia ha appena rifiutato il trasferimento all’Atalanta per dimostrare quanto e cosa può dare al Lecce. Ofere si è rotto. Jeda ha giocato a sprazzi e segnato l’unica rete – come prima ricordato, su calcio di rigore. Chevanton? La sua ennesima esclusione dalla lista dei convocati fa pensare che ormai si sia sfasciato il rapporto di fiducia con l’allenatore e che l’uruguaiano sia sul mercato. Di Michele sta dando un ottimo contributo alla causa, nonostante gli acciacchi della sua non verdissima età si facciano sentire e una mira non “precisissima” (per usare un eufemismo) dal dischetto. E poi c’è l’incognita Piatti, che dopo la doppietta al Chievo, sembra entrato in depressione. È questo il reparto più delicato, che necessita di essere integrato e rinfrescato a dovere. Anche se, dagli ultimi rumors, sembra che la dirigenza giallorossa, potrebbe anche decidere che va bene così.

UNITÀ D’INTENTI – Sarebbe un errore: le buone prestazioni degli ultimi tempi, non traggano in inganno. Il Lecce e De Canio stanno ottenendo tanto da una rosa mal costruita e sovrabbondante. Occorre fare uno sforzo comune: da parte societaria, integrare con almeno un paio di elementi, la rosa. Da parte della tifoseria, lasciare da parte tutto il resto e continuare a sostenere la squadra in tutti i modi, dimostrando compattezza d’intenti. Di divisioni, nel Paese, ce ne sono già tante, ed ora è il momento di soffiare, tutti insieme, sulle vele giallorosse, spingendole al di là del traguardo chiamato salvezza.

Marco MONTAGNA
Giornalista pubblicista dal 2012, fondatore e direttore responsabile di SalentoSport, collaboratore di Tuttomercatoweb dal 2009, corrispondente per Piazzasalento dai Comuni di Melissano, Racale e Alliste dal 2011 al 2017, collaboratore per la redazione sportiva del Nuovo Quotidiano di Puglia dal 2015.

Articoli Correlati

  • lecce-2012-2019 IL CORSIVO – Lecce, un risveglio da circoletto rosso dopo sette anni di Via Crucis

    Duemilacinquecentocinquantaquattro giorni (2.554/00). Oppure 365 settimane. Oppure 84 mesi. Oppure, semplicemente, sette anni. Sono quelli trascorsi dall’amara notte di Verona – in cui il Lecce di Cosmi diede l’anima ma non riuscì a strappare la permanenza in massima serie – sino al pomeriggio di ieri, quando, in massima serie, i giallorossi ci sono tornati con tutti…

  • LECCE – Va via l’anno perfetto: cento di questi 2018!

    Si apre con un pareggio per 1-1, si chiude con un pareggio per 1-1. Ma, con una sostanziale differenza: quella di categoria. Il 2018 del Lecce è stato, a dir poco, perfetto. Dal pari interno col Catania, 21 gennaio, al pari di ieri sera contro lo Spezia, i giallorossi hanno infilato (coppe escluse) ben 59…

  • otto IL CORSIVO – Otto anni al servizio dei nostri lettori: auguri SalentoSport!

    Siamo arrivati a soffiare sull’ottava candelina della nostra storia. Otto anni fa come oggi, in quella tarda mattinata di quel lunedì 23 agosto 2010, proprio alle 12.30 come ora, tra mille difficoltà, mille incognite e tanta voglia di partire ufficialmente, veniva pubblicato il primo articolo sul nostro giornale on line. Il resoconto dell’amichevole tra Lecce…

  • auguri-anno-nuovo-2018-salentosport-rcomposto BUON 2018!

    Per una volta facciamo anche noi i banali, citando uno dei pezzi più famosi di Lucio Dalla, “L’anno che verrà”. Caro amico lettore, ti scriviamo alla fine di un anno faticoso, il settimo dalla nostra fondazione. Un anno, quello che a breve andrà via, che ci ha regalato tante soddisfazioni sul piano della crescita, della…

  • lega-pro-playoff-sorteggi IL CORSIVO – Playoff Lega Pro, un regolamento discutibile e tutto da rivedere

    Tre squadre del girone B e una del girone A. Assenza, pesante, di qualsiasi rappresentante del girone C, quello – a detta di tutti gli osservatori – più duro e difficile da giocarsi. Questo è il dato che emerge dal quadro designato per le semifinali playoff Lega Pro. Una sola ne uscirà vincitrice al termine di…