IL CORSIVO – Di Francesco, Cosmi, il cetriolo e le gambe “da spezzare”

Puntuali come un orologio svizzero, i vertici di via Templari hanno rotto gli indugi: dopo 24 ore, via Di Francesco, “prego, si accomodi” a Serse Cosmi. Il cambio sulla panchina giallorossa aleggiava da tempo. Ci hanno pensato Lavezzi, Cavani e Dzemaili a dare l’ultima spintarella al tecnico pescarese che chiude in malo modo la sua avventura in Salento con soli otto punti in tredici gare ed un progetto di squadra e di gioco che è rimasto solo sulla carta.

D’altronde, in un paese che ha il vizio di affibbiare le colpe come fossero noccioline ed in cui è sempre colpa di qualcun’altro, era pure naturale che la società potesse subito trovare un capro espiatorio. Caro Eusebio, il cetriolo è toccato a te. Ovviamente, non si potevano esonerare 28 calciatori, tra i quali sono pochi quelli che possono avere la coscienza pulita, in questo primo scorcio di campionato. “Mi cacci pure. Se non mi caccia lei, mi cacciano lo stesso” – pare che abbia detto sabato sera all’arbitro Romeo, che gli si era avvicinato con l’intenzione di reduarguirlo solo verbalmente. Era solo questione di ore.

Dal 24 giugno al 4 dicembre. Centosessantatre giorni è durato il matrimonio tra Di Francesco e la panchina del Via del Mare. A sua disposizione gli è stato messo un manipolo di giovanotti di belle speranze, dai quali, l’ormai ex tecnico giallorosso, non ha saputo trarre molto succo. Eppure, Di Francesco le ha provate tutte. Tanti i moduli cambiati, così come gli attori sul palcoscenico. Il risultato è più che sconfortante: Lecce ultimo, peggiore difesa del campionato e secondo peggior attacco. Ma è davvero tutta colpa sua?

D’ora in poi toccherà a Cosmi provare a capirci qualcosa. I tifosi se lo auspicano con tutte le loro forze, ma Cosmi non è Mourinho, né Ferguson. Forse la sua arma in più è il carattere alla Sergente Maggiore Hartman. Certo è che questa squadra non ha solo bisogno di una strigliatona generale, ma anche e soprattutto di essere rinforzata con almeno un intervento per ogni settore.

C’è ancora tutto il tempo per rimediare. In bocca al lupo, Serse. Fidati, ne avrai bisogno. In bocca al lupo, Eusebio. Quando ripasserai di qua, caffè e pasticciotto pagato.

Marco MONTAGNA
Giornalista pubblicista dal 2012, fondatore e direttore responsabile di SalentoSport, collaboratore di Tuttomercatoweb dal 2009, corrispondente per Piazzasalento dai Comuni di Melissano, Racale e Alliste dal 2011 al 2017, collaboratore per la redazione sportiva del Nuovo Quotidiano di Puglia dal 2015.

Articoli Correlati

  • lecce-2012-2019 IL CORSIVO – Lecce, un risveglio da circoletto rosso dopo sette anni di Via Crucis

    Duemilacinquecentocinquantaquattro giorni (2.554/00). Oppure 365 settimane. Oppure 84 mesi. Oppure, semplicemente, sette anni. Sono quelli trascorsi dall’amara notte di Verona – in cui il Lecce di Cosmi diede l’anima ma non riuscì a strappare la permanenza in massima serie – sino al pomeriggio di ieri, quando, in massima serie, i giallorossi ci sono tornati con tutti…

  • LECCE – Va via l’anno perfetto: cento di questi 2018!

    Si apre con un pareggio per 1-1, si chiude con un pareggio per 1-1. Ma, con una sostanziale differenza: quella di categoria. Il 2018 del Lecce è stato, a dir poco, perfetto. Dal pari interno col Catania, 21 gennaio, al pari di ieri sera contro lo Spezia, i giallorossi hanno infilato (coppe escluse) ben 59…

  • otto IL CORSIVO – Otto anni al servizio dei nostri lettori: auguri SalentoSport!

    Siamo arrivati a soffiare sull’ottava candelina della nostra storia. Otto anni fa come oggi, in quella tarda mattinata di quel lunedì 23 agosto 2010, proprio alle 12.30 come ora, tra mille difficoltà, mille incognite e tanta voglia di partire ufficialmente, veniva pubblicato il primo articolo sul nostro giornale on line. Il resoconto dell’amichevole tra Lecce…

  • auguri-anno-nuovo-2018-salentosport-rcomposto BUON 2018!

    Per una volta facciamo anche noi i banali, citando uno dei pezzi più famosi di Lucio Dalla, “L’anno che verrà”. Caro amico lettore, ti scriviamo alla fine di un anno faticoso, il settimo dalla nostra fondazione. Un anno, quello che a breve andrà via, che ci ha regalato tante soddisfazioni sul piano della crescita, della…

  • lega-pro-playoff-sorteggi IL CORSIVO – Playoff Lega Pro, un regolamento discutibile e tutto da rivedere

    Tre squadre del girone B e una del girone A. Assenza, pesante, di qualsiasi rappresentante del girone C, quello – a detta di tutti gli osservatori – più duro e difficile da giocarsi. Questo è il dato che emerge dal quadro designato per le semifinali playoff Lega Pro. Una sola ne uscirà vincitrice al termine di…