Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VIRTUS MATINO – Primo stop stagionale, il Nola porta a casa l’intera posta

Come il Nardò, anche la Virtus Matino cade a Nola. La gara si mette subito malissimo dopo sette secondi: calcio d’inizio per i padroni di casa, schema che si conclude con un sinistro di Figliolia che fa secco Convertini. Un record, o quasi. Il Matino prova ad abbozzare una sorta di replica con Tarantino (tiro impreciso) e Ruibal (che colpisce l’esterno della rete), ma niente di più. Attorno alla mezzora, il Nola raddoppia: tiro secco di Ruggiero respinto da Convertini sul palo, palla che giunge gui piedi di Padulano per un comodo tap-in che, però, è debole. Michelli, appostato in zona, nel tentativo disperato di rinviare il pallone, infila nella propria porta. I salentini trovano il punto del 2-1 su uno schema di punizione con Graziano che serve Ruibal. Palla alle spalle di Cappa ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Ruggiero è pericoloso su punizione, complice anche un rimbalzo allungato dalla pioggia, e impegna Convertini. Poi, il numero uno ospite, è ancora decisivo su Cardone.

Branà prova a cambiare il corso delle cose, attingendo alla sua panchina e sembra riuscirci. Ancora si fa vivo dalle parti di Cappa, poi è la volta di Torres che allarga troppo la mira. Quindi è il turno di Graziano che saggia i riflessi dell’uno locale. I ragazzi di De Lucia mantengono i nervi saldi e abbozzano un’azione offensiva con Padulano, che, però, spreca una palla gol, ripetendosi poco dopo su assist di Figliolia. Attorno al quarto d’ora, il Matino la riapre: il neo entrato Torres sfrutta appieno un imbucata di un suo compagno e, in scivolata, batte Cappa. La Virtus, però, non riesce a sfruttare l’entusiasmo del momento per provare ad acciuffare il pari. I toni agonistici si alzano e i padroni di casa, con Figliolia, fallisce il tris, complice anche il salvataggio sulla linea di Michelli. Negli ultimi minuti, poi, arriva la mazzata per gli ospiti, con l’espulsione, per proteste, di capitan Salto. L’ultima azione degna di cronaca è un tentativo velleitario di Torres.

Finisce, così, 2-1 per il Nola che scavalca proprio il Matino in classifica, fermo a quota 5. Per i biancazzurri, il prossimo avversario che si presenterà all’Heffort, domenica prossima, sarà il Fasano, con due punti in più in classifica e ieri vittorioso sulla Mariglianese.

Il commento di mister Branà: “Possono esserci altre partite come questa e dobbiamo essere bravi a capire quando giochiamo contro squadre che partono forte, dobbiamo saper attutire subito il colpo e non perdere la concentrazione, perché le partite si possono sempre riprendere. I ragazzi sono stati bravi, non è facile giocare ogni 3 o 4 giorni. Sicuramente domenica e nelle prossime partite ci rifaremo”.


IL TABELLINO

Nola (Na), “Sporting Club”
mercoledì 6 ottobre 2021, ore 15
Serie D/H 2021/22 – giornata 4

NOLA-NARDÒ 2-1
RETI: 1′ pt Figliolia (No), 27′ pt aut. Michelli (No), 16′ st Torres (Na)

NOLA: Cappa, Angeletti (30′ st Guerra), De Siena, Acampora, D’Orsi, Donnarumma (11′ st Lambiase), Corbisiero, Ruggiero (24′ st Togora), Figliolia, Padulano (40′ st Salazaro), Cardone (15′ st Caliendo). All. De Lucia.

NARDÒ: Convertini, Monopoli (1′ st Mundiandambu), Graziano, Marin, Michelli, Salto, Tarantino (1′ st Gallo), grandis, Ancora, Ruibal (34′ st Cavalieri), Pozzessere (1′ st Torres). All. Branà.

ARBITRO: Iacopetti di Pistoia.

NOTE: ammoniti Marin e Figliolia; espulso Salto al 33′ st per doppia ammonizione.

QUI RISULTATI E CLASSIFICA

(foto: Archivio, Coribello/SalentoSport)