Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

V. FRANCAVILLA C. – Magrì si gode il momento: “Reazione di carattere”. E su pubblico e Lega Pro…

Debutto in sala stampa anche per il patron della Virtus Francavilla Calcio, Antonio Magrì, visibilmente soddisfatto del momento della sua suqadra. Il numero uno francavillese ha esordito ringraziando l’amministrazione comunale: “Ringrazio l’amministrazione per averci dato il permesso di installare la sala stampa in brevissimo tempo“.

Poi le domande sul suo stato d’animo, dopo la conquista della vetta: “Sono molto contento ma” – ammonisce Magrì – “non guardiamo la classifica, per evitare di soffrire di vertigini. Preferisco gioire per la vittoria di oggi (domenica, ndr) e pensare alla prossima contro il Torrecuso“.

Eppure la partita non era iniziata nel migliore dei modi, con il gol subito dopo meno di dieci minuti: “Un errore evitabile ma la reazione è stata da grande squadra. Abbiamo avuto la capacità di reagire e l’abbiamo fatto con grande carattere. Dopo l’uscita di Conti, in campo c’erano otto undicesimi della squadra dello scorso campionato ed è un aspetto che” – evidenzia orgogliosamente Magrì – “sottolinea ulteriormente la bontà del nostro lavoro“.

Una battuta su Masini, autore di una doppietta: “Abbiamo sempre creduto in lui e speriamo che l’attacco continui a segnare. Nove gol in due partite fatti sono sintomatici che l’attacco inizia a girare ma non siamo contenti per i gol subiti“.

Con il progetto per l’ammodernamento dello stadio pronto e la prima posizione in classifica, la Virtus Francavilla Calcio sarebbe pronta per la Lega Pro: “No, siamo in Siere D e dobbiamo giocare in questo campionato”, commenta laconico. E infine un giudizio sul suo pubblico: “Sono contento perchè hanno accolto il mio appello di due settimana fa. Li ringrazio ma” – ammonisce Magrì – “vorrei che fossero presenti anche quando le cose non vanno bene. Al momento il nostro impianto di illuminazione non è omologato per la Serie D. Difficilmente sarà messo a norma per la partita contro il orrecuso, ma alla partita successiva in casa” – conclude – “potremmo chiedere di giocare ad un orario diverso da quello ufficiale“.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment