TARANTO – Rimonta all’ultimo respiro. Balistrieri e Clemente firmano la vittoria

balistreri-pietro_fcapriglione

Foto: P. Balistreri (©F. Capriglione)

Fatica più del preventivato il Taranto di Maiuri, che piega le resistenze della Mariano Keller solo al 92’ grazie ad una perla su calcio di punizione, griffata Gianpiero Clemente. Il tecnico milanese relega ancora una volta in panchina Mignogna, concedendo un altro turno di riposo anche ad Ancora. C’è l’esordio davanti al pubblico dello “Iacovone” per Ciarcià, mentre in attacco rinnovata la fiducia a Balistrieri.

PRIMO TEMPO L’avvio jonico non è dei migliori. I rossoblu paiono contratti ed eccezion fatta per due timidi tentativi di Clemente, si fanno vedere poco dalle parti di Napoli. Al 17’ gli ospiti passano in vantaggio, grazie ad una pregevole azione personale di Bosco, che buca le maglie del centrocampo tarantino e imbecca Santaniello, bravo ad eludere la trappola del fuorigioco e a freddare con un rasoterra centrale, l’estremo difensore Marani. Il Taranto pur provando ad abbozzare una reazione non punge e bisognerà attendere la mezz’ora per annotare le prime occasioni che giungono prima da un colpo di testa di Claudio Miale e poi con una conclusione di Clemente respinta</strong”gt; non senza problemi dal numero uno campano. Ci sarà spazio, prima della fine del primo tempo anche per un tentativo di tacco di Fidele Muwana agevolmente bloccato dall’ottimo Napoli.

SECONDO TEMPO Il piglio con il quale il Taranto scende in campo nella ripresa sembra non aver nulla a che vedere con quello messo in mostra nei primi quarantacinque minuti. Siamo solo al 2’ quando Ciarcià si libera del diretto marcatore e serve Clemente il cui tentativo di testa viene disinnescato da un colpo di reni di Napoli. Al dodicesimo il Taranto pareggia. L’azione nasce dai piedi di Clemente che cerca Ciarcià, l’esterno ex Salernitana mette in mezzo un pallone al miele per Balistrieri che da due passi trafigge di testa il numero uno della formazione guidata dall’ex Ciro Muro, ristabilendo così la parità. Il pari non soddisfa il Taranto che al 22’ sfiora ancora la rete con un magistrale calcio di punizione del solito Clemente, sul quale si esalta ancora una volta Napoli. L’assedio tarantino non produce gli effetti sperati e la pressione esercitata dall’undici di casa, aumenta ulteriormente dal 28’ quando un entrataccia costa al neo entrato Marseglia, un rosso diretto. Il colpo risolutore giunge sulla sirena, grazie ad una pennellata di Clemente che al 47’ elabora una traiettoria che non lascia scampo a Napoli, ponendo la propria firma sul primo successo degli jonici nel proprio stadio e facendo esplodere di gioia gli oltre 1500 supporters rossoblu.

***

TARANTO – MARIANO KELLER 2-1
RETI: 17’pt Santaniello (M), 12’st Balistreri (T), 47’st.Clemente (T)

TARANTO (4-4-2) – Marani; Viscuso, Miale, Prosperi (32’st.Mignogna), Marchitelli; Ciarcià (42’st.Ancora), Muwana, Carloto, Migoni (39’st.Vivacqua); Clemente, Balistreri. All.: Maiuri (A disp.: Masserano, Riccio, Pulci, Menicozzo, Caruso, Fonzino).

MARIANO KELLER (4-4-2) – Napoli; Micallo, Borrelli, Noviello, Bosco; Cicatiello, Visone, Marzocchi (18’st.Tommasini), Della Corte (26’st.Marseglia); Santaniello, Sorrentino (6’st.Maisto). All.: Muro (A disp.: Parisi, Gala, Colellla, Esposito, Mazzeo, Amico).

ARBITRO – Montanari di Ancona AMMONITI – Cicatiello, Borrelli (M), Clemente (T) ESPULSI – Al 28’st. Marseglia (M) per gioco falloso

ANGOLI – 11-1

RECUPERO – 2’pt., 5’st.

NOTE – Giornata soleggiata, temperatura intorno ai 28 gradi. Terreno in discrete condizioni.

Articoli Correlati