Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

NARDÒ – Quanti grattacapi in casa granata

C’è di che preoccuparsi in casa Nardò. Non per la striscia di risultati utili consecutivi, ma per l’anonima posizione di classifica occupata dai granata. E’ ancora da migliorare la prolificità sotto porta, anche se al Capozza si è visto un Genchi in grande spolvero, forse stimolato dall’affrontare la sua ex squadra.

Qualche malumore hanno anche suscitato le critiche piovute addosso al tecnico Maiuri, provenienti da ambiti societari: “Mi auguro di far cambiare idea a chi non apprezza il nostro lavoro” – ha commentato il tecnico che domenica dovrà fare a meno di Cornacchia e De Giorgi, espulsi a Casarano e che saranno quindi costretti a saltare la prossima gara interna contro il S. Antonio Abate.

Fa preoccupare anche lo stato del terreno di gioco del Giovanni Paolo II. Nelle ultime ore, si è fatta strada l’ipotesi di traslocare presso uno stadio limitrofo che dovrebbe perciò ospitare le gare casalinghe del Nardò. Si parla del Capozza di Casarano.