NARDO’ – L’ora della verità , con il Francavilla in palio la vetta solitaria

Una sfida d'alta quota, in tutti i sensi. Non solo perché la piccola cittadina Francavilla in Sinni, 4.300 abitanti, sorge a 420 metri sul livello del mare, ma anche (e soprattutto) perché con il Nardò i potentini condividono il comando della classifica, a quota 25 punti.

Al di là della posizione in graduatoria, tuttavia, granata e rossoblu vivono opposti stati d'animo. Se il Francavilla, alla sesta stagione in Serie D, può godersi appieno dei momenti da leader, il Nardò deve fare i conti con una situazione economico-societaria non incoraggiante. Il comunicato dei calciatori, in settimana, è l'ennesimo segnale che la pazienza sta per finire e che lo staff tecnico, come si può leggere, garantisce "massimo impegno e professionalità fino a lunedì prossimo venturo". In questo senso, sarà fondamentale l'incontro odierno tra il sindaco neretino Marcello Risi e il presidente del club Enzo Russo.

Tornando al campo, Francavilla-Nardò offre diversi spunti di interesse. Al "Nunzio Fittipaldi", i granata ritroveranno Ranko Lazic, ex allenatore del Toro ora alla guida dei rossoblu. L'attacco potentino sarà inoltre guidato da Genny Del Prete, bomber principe con otto reti in undici presenze, altra vecchia conoscenza dei tifosi neretini, avendo vestito granata ai tempi della Serie C/2. Sarà lui l'osservato speciale dalla truppa di Longo, assieme all'esperto centrocampista Somma. L'unica defezione per il Francavilla in Sinni è quella dell'attaccante Sperandeo, due reti fin qui, fermato per un turno dal Giudice Sportivo.

In casa granata la squadra sta recuperando in fretta energie fisiche e mentali, dopo il positivo sforzo infrasettimanale, in Coppa Italia, con la Nissa. La formazione dovrebbe quindi prevedere in porta il confermatissimo Leopizzi. In difesa Rizzo e Centanni sugli esterni, con De Toma e Mirabet nel mezzo. In mediana Rodrigo Veron, con ai lati Puglia e Mariano. In prima linea tridente composto da Pierguidi, Garat e Corvino. Non convocato Pereyra per una forte contrattura alla coscia e Nico, il cui rientro è previsto per l'anno nuovo. In panchina torna Chiaraviglio, che ha scontato le due giornate di squalifica ed è reduce dalla brillante prestazione in Coppa.

Arbitra l'incontro il signor Francesco Guccini di Albano Laziale, coadiuvato da Matteo Benedettino della sezione di Bologna e Pietro Camuso della sezione di Aprilia.

Lorenzo FALANGONE
Nato 27 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio "M. Campione" 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro "Per dirti ciao".

Articoli Correlati